Search

Gheula Canarutto Nemni

Nella diversità siamo tutti uguali

Month

July 2014

What Haaretz pages become abroad

To the attention of Haaretz,

the following rows you are hopefully going to read, are written in a place where Hebrew is not the official language, where IDF is not the national army, where on Yom Kippur there are cars on the streets as in any other day of the year.

I am writing you from Italy, but it could be from Paris, Antwerp, London, Marseilles. It could be from any other town in the world.

But Israel.

The place you write from.

The place where you look at reality and decide to describe it, in your peculiar way, to readers who live abroad.

To people who, after having read your rows, will decide. If to like us or hate us with all their hearts.

Here, outside from Israel, life is not easy for us.

We deal everyday with international news web sites that dedicate cubital headlines to Israel, calling it with words they don’t dedicate even to the worst, unrespectful of human rights, countries of the world.

We read everyday newspapers that dedicate pages and pages to humanitarian problems in Gaza and a rare few rows to the constant threaten, the terroristic menace that Israel is facing since years.

We face schemes that show the number of victims from both sides. As we were in a competition where the part with more casualties, wins.

Here, Israeli reality is manipulated through mediatic strategies. News about Jews are not treated in the same way as news about Darfour. They are not as news about Nigeria or Mosul.

Here, reality becomes different when it is colored with white and blue.

I know history quite well. These, who are reporting the news about Israel around the world hoping that more and more people will condemn it, will be against it and, at the end, will hate me for being a Jew, these people are the children of the children of those who prepared in Spain the autodafes for my ancestors, they are the offsprings of those who ran with their horses and swords to cut the beard and the head of my forefathers, they are part of a culture which took Jewish children, women, elderly and men, and melted their bodies in crematoria in order to get forever rid of all Jews .

When all these things are delivered in my life through a non Jewish channel, I turn the page, I digit another website name, I turn off. And I engage my own little campaign.

I try to go around and tell the truth. I want people to know the real Jewish ideals that walk with an Israeli soldier, that make him offer food and shelter to children, though he knows he is at risk of being blown up by an infant adapted explosive belt.

I describe to Europeans, to professors, to other Italian mothers and friends, the moral principles that hold back an Israeli soldier’s hand from protecting himself, only beacuse he has just seen his worst enemy hiding behind a woman with a baby, a terrorist protecting himself with a human shield.

But often, when I try to show our real face, to bring truth to surface, to cut the legs to the millions of lies the world is reading and telling, most times I get the same answer.

I get a link to your website, an article of yours.

And from there, the step is too short.

From your message to the next stage.

Where your shouted words against Israel become weapons in the hands of our enemies.

Where your pages become part of 2014 antisemitic libels, where Jews have always that ugly nose.

Where your rows become part of the stones thrown to Synagogues and Jewish shops at the sound of ‘death to the Jews’-

Where you become the Jewish justification for the beatings of French Jews, for hating and cursing every man who goes around with a distinctive Jewish symbol, for killing two Israelis in a Belgian museum.

This is the way your news are internationally used.

Antisemitism can be cherished by a Jewish point of view.

Why am I addressing you?

Because you and me, we all descend from one common soul.

We share a common root, a piece of Heaven engraved in out hearts, with all Jews scattered around the world,

We share thousands of years of persecution and hatred.

We share songs. We share food and ideals.

We share life as a the highest goal.

We share history and past.

And hopefully, with G-d’s help, a better future, for all of us.

 

Dear journalist of Haaretz,

the world fears one thing most.

It fears our unity, our capacity to be one, despite different visions, despite different ways of living our religion and identity, despite different languages spoken at home. Because they know.

That when we stay together, when we close our eyes and forget the colors of the flags that are hanging in our homes, when in 40,000 we answer ‘amen’ to the kadish of a chayal boded’s father because we don’t want him to feel alone, these are moments that make us stronger and stronger. Stronger than the world.

Stronger than the ancient dream of our enemies.

To see us, one day, G-d forbids, disappear.

This is not an opinion matter. Not anymore.

This is a life matter. Mine and of all the millions of Jews who live abroad.

Please, before writing and publishing, before spreading around news, before adding fuel to the antisemitic fire, take in consideration the collateral effect of every word of yours, think if it will make stronger the seventy wolfs, that surround the Jewish lamb.

Before pushing ‘send’ for an article, dedicate a last thought to us, your brothers and sisters, whose hearts are always praying for our nation, for our land. NewspapersAnd for you too.

Gheula Canarutto Nemni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I am writing you from Italy. I am writing you from Europe. I am writing you from a place where people come in touch with the Israeli reality, through news, through mass media, through your articles and words too.

 

 

You are sitting there, safely and protected, you are among your nation. Maybe people who don’t think like you will stop you during an inteview, will react with comments to your written rows. You are there, among Jews.

 

We are not. People here don’t know who we are, most of them ignore what being a Jew does mean. They don’t mind where we come from, waht are our life missions. They often ignore on purpose our signals, our will to let ourseves known. They prefer to imagine, to guess, and, when it comes to inform themselves,

 

 

Your words are attached to the stones that are thrown towards Jews in French towns. The way you tell the world the Israeli reality, cutting and pasting some parts according to your vision of the world, is a weapon in the hands of antisemites.

You have a responsibility.

When I discuss with somebody, trying to bring back impartiality in the environment, I am always answered with an article of yours.

Your articles are the proof, for our enemies, that they are true. That they have the right to harm us, to put our lives in danger,

Un’anima parte di un’anima. Sean Carmeli

20.000 persone hanno risposto all’appello. 20.000 persone sono venute ad accompagnare Sean nella sua strada per il Cielo. 20.000 ebrei hanno risposto amen al kadish del padre, scortando Sean fino a D-o. Che la sua anima riposi accanto ai grandi giusti del popolo. Non sarai mai più solo.

20140722-110657.jpg

L’unica strada per una vera pace

I volti di Eyal, Gilad e Naftali si confondono con quello di Shelly Dadon tingendo l’aria di lacrime e disperazione. I sassi grandi come mattoni raccolti da una terra a cui i padri fondatori hanno miracolosamente  ridato vita dopo migliaia di anni, finiscono nei parabrezza di automobili e autobus. Svastiche compaiono lunghe la città vecchia e bandiere naziste sventolano a pochi metri dal confine. Le sirene ululano costringendo ebrei di ogni età e origine a correre entro 15 secondi nei rifugi. Nei cieli di Israele una Mano invisibile gioca a ping pong con dei razzi assassini facendoli rimbalzare e cadere in luoghi miracolosamente disabitati. Terroristi minacciano di invadere il mondo e riportare in vita un califfato medievale punendo tutti gli infedeli. Nelle capitali d’Europa si sentono riecheggiare slogan che nessun paese civile dovrebbe permettere di fare vibrare nella propria aria. Ebrei vengono tenuti in ostaggio dentro a una sinagoga mentre fuori si inneggia alla loro morte. Ovunque ci si giri, in questi giorni, ci si sente in balia di qualcosa più grande, di qualcosa su cui nessuno ha il totale controllo. In molti, non sapendo che altro fare, pregano. E sospirano. Il sospiro di un ebreo che, D-o non voglia, proviene da un problema materiale, è comunque una grande teshuvà, un completo ritorno a D-o. Quando il sospiro proviene da un malessere spirituale, la teshuvà è infinitamente più profonda ed efficace. Il sospiro tira fuori la persona dalla profondità del buio in cui si trova, permettendole di raggiungere livelli di bene mai raggiunti prima (Hayom yom 3 di tamuz)

Rileggo le righe e capisco. Con tutta questa confusione, allarmi, razzi, slogan assassini, tentativi di distruggerci e farci sparire, c’è chi aspetta i nostri sospiri. Chi li raccoglie ad uno ad uno e li imbottiglia in una grande botte su cui sta scritto ci siamo quasi. Quei sospiri si accumulano da migliaia di anni. Dai tempi dell’Egitto, della distruzione di due santuari, delle crociate, dei pogrom, delle persecuzioni naziste. Si appoggiano l’uno sull’altro in attesa. Che dieci persone, solo dieci, dieci ebrei sospirino dal profondo del proprio cuore e, alzando gli occhi al Cielo, al proprio Creatore, tirino fuori dall’anima il grido: ad matai, fino a quando D-o, ci terrai in questo buio esilio? Tutta questa insostenibile pesantezza dell’essere, questa impossibilità di vedere la luce alla fine del tunnel, questa angoscia attanagliante che toglie il respiro prima del sonno spariranno presto. Aprendo il sipario sui tempi messianici e su una pace vera, senza compromessi.

 

 

Gheula Canarutto Nemnikeep-calm-because-moshiach-is-coming-2

Gad Lerner mi ha diffamato

promised landGad Lerner,

Con il suo articolo su Repubblica dell’8 luglio “Israele e l’orrore dei ragazzi assassini”  lei ha leso il mio onore, ha offeso la mia reputazione, l’immagine che di me, della mia nazione,  si fanno i lettori.

Lei parla da ebreo. E per questo, gli ignari lettori, le credono quando parla del popolo ebraico.

Le credono quando parla del movimento Beitar definendolo il padre del ‘fascirazzismo’.

Mi è toccato andare a riprendere gli scritti di Jabotinsky dove afferma che ‘un membro del Beitar deve essere in grado di trattare tutte le aspirazioni oneste degli uomini con correttezza e rispetto. Soprattutto perché la maggior parte di queste derivano da fonti ebraiche. Il pacifismo e la lotta per la giustizia sociale affondano le proprie radici nella Bibbia. Speriamo in un tempo futuro in cui lo stato ebraico potrà dimostrare al mondo intero la giusta via per raggiungere la pace eterna e la giustizia sociale’.

Scriva queste frasi di Jabotinski, le riporti per intero. E lasci il lettore giudicarne il pensiero.

Mi è toccato andare ad aprire il Levitico, nella parte da lei citata per dimostrare che la terra di Israele non ci appartiene. In Levitico 25-23 si parla del Giubileo. “…Mia è la terra, perché voi siete forestieri e residenti provvisori presso di Me”. Il verso si riferisce al fatto che ogni cinquant’anni, ad ogni Giubileo, il gioco economico ricomincia, riportando l’uguaglianza tra tutti i componenti del popolo.

La provvisorietà a cui si riferisce D-o sta nella proprietà privata. Non nella terra di Israele come terra destinata al popolo ebraico, come lei fa credere agli ignari lettori.

Mi è toccato andare a ricercare la definizione di Terra Promessa che dà l’ebraismo. Non è idolatria della terra, per poterne rivendicare la proprietà, come lei afferma. E’ promessa della terra. Promessa fatta da D-o ad Abramo di dare quella terra, la terra di Canaan, ai suoi discendenti, in più passi della Genesi. E’ la promessa fatta ad Isacco (Genesi 26-4), a Giacobbe (Genesi 28-13; Genesi 35-12 ecc ). E’ la spartizione della terra promessa agli avi di Israele tra le dodici tribù, scritta nella porzione della Bibbia che il popolo ebraico leggerà il prossimo sabato, in tutte le parti del mondo. Come ha fatto da tremila trecento anni a questa parte. L’idolatria è aborrita dalla religione ebraica, lo vorrei ricordare io, al posto suo, a chi segue i suoi scritti.

Lerner non metta in bocca al mio D-o parole che Egli non dice.

Il mio D-o non ha mai detto che gli ebrei sono stranieri nella terra promessa, come racconta nel suo articolo. Il mio D-o quella terra la promette e la fa conquistare ai miei avi.

Non attribuisca agli ebrei credi in cui la maggioranza assoluta di una nazione non si ritrova.

Non appiccichi addosso ai religiosi, a me, una etichetta che le fa comodo per potere farsi pubblicare da chi non vede l’ora di gettare fango addosso al popolo a cui appartengo.

Allontanarli a meno che accettino di sottomettersi, lei dice riferendosi ai palestinesi. Visto che lei si arroga il diritto di parlare a nome mio, mi permetta di terminare la frase. Allontanarli a meno che accettino di sottomettersi. Sì. Sottomettersi ai principi, legali e morali, sottomettersi ai valori, all’accettazione del valore indiscutibile della vita. Sottomettersi alle leggi del posto, come accade in ogni democrazia che si rispetti.

Ognuno di noi viene messo al mondo con uno scopo preciso. Questa meta D-o non la rende facilmente raggiungibile. E riempie il percorso di ostacoli. Quei ragazzi israeliani hanno sbagliato. Secondo qualsiasi legge ebraica. Civile e religiosa. Sono stati condannati da tutti, unanimamente. L’ostacolo non l’hanno superato. Ma è proprio perché il loro comportamento è così estraneo, così deviante, dai valori ebraici, che il mondo è rimasto scioccato.

Lerner, a lei è stato fatto il dono di potersi fare leggere da molti italiani. Sfrutti la sua posizione mediatica per raccontare quante volte al giorno gli ebrei pronunciano la parola pace nelle proprie preghiere. Racconti i messaggi straripanti di amore e nessuna vendetta, delle madri davanti ai corpi assassinati e bruciati dei loro tre figli.

Si faccia portavoce di quei valori ebraici che ci hanno fatto cantare e pregare all’entrata dei forni crematori.

Scriva la verità, non sezioni la mia religione, la mia cultura, i principi che guidano il mio popolo, a suo piacimento.

Questo si chiama diffamazione.

Gheula Canarutto Nemni

Create a free website or blog at WordPress.com.

Up ↑

%d bloggers like this: