Search

Gheula Canarutto Nemni

Nella diversità siamo tutti uguali

Month

January 2017

Il giorno della memoria fa il gioco del nostro nemico?

 

Immagino paesaggi scorrere davanti ai miei occhi.

Il verde dei campi che si trasforma in un bianco accecante, ho la terribile sensazione addosso che non rivedrò mai più nulla di tutto questo.

Che non riabbraccerò più mia madre dopo che sarò rientrato dalla preghiera del venerdì sera, che il sapore della matzà non arriverà più alla mia bocca e il profumo dell’etrog non risveglierà più in me aspettative di gioia.

Vicino a me ci sono rabbini schiacciati contro ebrei che non credono in D-o, donne vestite a festa si stanno strappando le vesti per farne coperte per i propri bambini. Le loro labbra sono blu per il freddo, i loro occhi si stanno pericolosamente chiudendo. Avrebbero dovuto essere il nostro futuro; forse non vedranno nemmeno il domani.

Il gelo sta facendo perdere la sensibilità ai nostri arti e forse anche ai nostri cuori.

Nessun individuo sano di mente e di sentimenti potrebbe reggere a ciò che i miei occhi stanno vedendo. La morte si mischia alla vita senza dare tempo alle lacrime, al dolore e alla consapevolezza.

Quale è la colpa per cui stiamo pagando questo prezzo? domando guardando il cielo attraverso l’unica fessura che ci hanno lasciato.

Siamo diversi, mi rispondo da solo.

Se ci fossimo omologati al mondo in tutti questi secoli, non saremmo le sue vittime predilette. Se non avessimo cantato, mangiato, parlato, vestito, pregato come D-o comanda, non ci avrebbero bruciati nelle piazze in Spagna, nei pogrom in Russia, non saremmo su questo treno a percorrere gli ultimi chilometri della nostra vita.

Se rimarranno ancora ebrei sulla terra e se uno di loro ritroverà questo messaggio, sappiate  che il nostro nemico sa come potrebbe farci sparire. E’ da migliaia di anni che sta tentando  la stessa strategia. Facendo  sparire il nostro cibo speciale, i nostri tefilin e tallit, ammutolendo i nostri canti, tramutando i nostri sabati in giorni feriali. Vorrebbe silenziare le nostre preghiere e annullarci, annichilirci, ci vorrebbe omologati a tutti gli altri.

Se state leggendo queste righe, vi prego, non fate il gioco del nostro nemico. Non dimenticate chi siete e fate ricordare questa vostra unicità a chiunque vi incontri.

Fatelo per noi, che non potremo più accendere le candele dello shabat e riunirci in una sinagoga a pregare.

Fatelo per noi, ebrei deportati e inceneriti, perché è il nostro essere ebrei che vogliono cancellare uccidendoci.

Fatelo per noi, che avremmo voluto esserci ancora per farlo, vi prego. Non fate il gioco del nostro nemico. Alimentate la vostra identità ebraica camminando per strada, quando andate a dormire e quando vi alzate. Sei milioni di anime in cielo vi ringrazieranno.

Gheula Canarutto Nemni

 

 

Quando l’Occidente mette in dubbio la legittimità di Israele, nega l’esistenza di D-o stesso

 

Fiat lux, e luce sia, ordinò D-o e per la prima volta un raggio trafisse l’universo. Ci sia una divisione tra il cielo e la terra, continuò D-o, facendo comparire l’orizzonte. Vi siano alberi, fiori, la luna, il sole, le stelle. Le foglie iniziarono a respirare l’ossigeno e a sintetizzare la luce per trasformarla nel proprio nutrimento. E poi arrivarono i pesci, i volatili, le pecore, i cavalli. L’uomo.

Iniziò la storia del mondo.

E D-o disse ad Abramo ‘questa terra la darò a te e ai tuoi discendenti’ ed apparve a Isacco suo figlio, per ribadire la propria promessa. E Giacobbe scappò dal fratello Esaù. Durante la fuga si mise a dormire e D-o gli promise in sogno ‘darò la terra su cui sei sdraiato a te e ai tuoi discendenti’.

E poi arrivarono i discendenti di Abramo, Isacco e Giacobbe che continuarono a leggere e a studiare la Torah, la parola di D-o e i suoi insegnamenti.

E poi arrivarono i discendenti dei discendenti e non smisero mai di credere nemmeno per un attimo alle promesse che D-o, il Creatore del mondo, aveva fatto ai loro padri.

E poi arrivarono degli uomini che dicevano di essere persone di fede, credenti. Uomini che non si facevano smuovere dalle teorie sul big bang e i buchi neri. Persone che avrebbero cavalcato nel Medioevo per migliaia di chilometri pur di liberare i propri luoghi sacri e riportare la parola di D-o là dove regnavano gli infedeli.

La storia si popolò di individui che avrebbero giurato di dire la verità sul libro più letto e venduto del mondo, su un testo in cui credevano fermamente.

E questi stessi individui, che si dichiaravano credenti, si riunirono per decidere le sorti di un fazzoletto di terra umido, desertico, senza nessun appeal razionale.

Abbracciarono rappresentati del terrore mettendo da parte stragi, bambini sgozzati, terrore, orrore, massacri di innocenti che avvenivano sotto ai loro occhi silenti e dedicarono le proprie energie a un puntino geografico quasi invisibile sul mappamondo.

La storia si riempì di uomini dal buonismo selettivo, dalla coscienza relativa, dalla fede limitata a ciò che era più confortevole.

Quando l’occidente si siede a tavolino per discutere la legalità e legittimità dello Stato di Israele e il rappresentante della cristianità abbraccia degli assassini non è di politica né di diritti umani che si discute. Ma di D-o. Di D-o e della Sua parola.

Perché se un individuo crede che sia stato D-o a generare la luce a soffiare dentro di lui l’anima stessa, se prega a D-o, quello stesso D-o che ha creato il mondo, se crede nella veridicità della Bibbia e la considera un libro sacro, quello stesso individuo non può mettere in discussione la parola divina quando D-o dichiara ad Abramo, Isacco, Giacobbe, Mosè, Isaia, che la terra appartiene al popolo ebraico.

Chi mette in dubbio che la terra di Israele appartenga al popolo ebraico, sta mettendo in dubbio la propria fede, sta negando la veridicità della Bibbia. E l’esistenza di D-o stesso.

Gheula Canarutto Nemni

 

 

 

Create a free website or blog at WordPress.com.

Up ↑

%d bloggers like this: