Il segreto per riuscire a realizzare i propri sogni

L’uomo arrivò con due piccole valigie. Accanto a lui sua moglie e un piccolo gruppo di persone.

Si guardò intorno, dentro al buio delle case immaginò fiamme di candele che illuminano, nelle strade silenti visualizzò parate di bambini che sfilano al suono delle parole dei propri avi.

Dopo il suo arrivo il quartiere iniziò a venire abitato dai suoi studenti che ogni giorno aumentavano di numero.

Avrebbe potuto accontentarsi di quello che aveva costruito, dei servizi che aveva messo in piedi nel suo quartiere per le persone che gli stava accanto.

Ma lui era un uomo che vedeva la parola ‘arrivo’ come una espressione da abolire e l’aggettivo ‘soddisfatto’ come un punto di non ritorno.

E così prese i suoi studenti e a uno a uno li contagiò con i propri sogni.

‘Vedi quella terra lontana?’

‘Quel paese senza traccia di spiritualità?’

gli rispondeva attonito lo studente di turno. ‘Sì, esatto, proprio quello’

ribatteva il maestro con un grande, enorme, sorriso.

‘Tu vai lì e portaci più luce possibile’

‘Io?’

domandava lo studente ventenne esterrefatto dopo essersi guardato intorno e avere capito di essere l’unico destinatario di quel messaggio.

‘Per crescere bisogna allontanarsi dall’area in cui ti senti comodo, solo la sfida farà uscire il meglio del tuo potenziale. Ora vai e mandami belle notizie’.

‘Nella mia sfida mi sento un po’ solo’,

gli disse una volta un ragazzo che si era perso d’animo.

‘Ognuno è un emissario di luce arrivato in terra per elevare il mondo intorno. Non ti perdere d’animo. Una sola candela può illuminare un’intera stanza’

‘Sono molto soddisfatto del risultato raggiunto’

accennò il manager riferendosi ai progetti educativi che aveva finanziato.

‘Io no, gli rispose. Perché chi rimane statico sta già iniziando il proprio declino’.

‘Da dove prenderò la forza di affrontare questa grande sfida?’

‘Dentro di te hai tutta la forza del mondo. Noi ebrei attingiamo l’energia direttamente dalla fonte’

Per conoscere un artista basta guardare le sue opere,

per capire chi è il Rebbe basta scrivere su Google ‘Chabad’, vedere i 7.440.000 risultati e ricordare che 70 anni fa un Beth Chabad nella Piazza Rossa di Mosca poteva solo essere un sogno di una persona immersa nel sonno,

che 70 anni fa una chanukià accesa nel centro di Berlino sarebbe stata il gesto di un folle,

che 70 anni fa erano i nazisti quelli capaci di ricordare a un ebreo la propria identità dimenticata e non dei ragazzi barbuti in mezzo a Tel Aviv o a FifthAvenue.

Il 10 di shvat di 70 anni fa il Rebbe è uscito allo scoperto, contaminando i suoi discepoli con il suo sogno di un mondo  illuminato dalla luce della Torà, investendoli della missione di contagiare altri e poi altri e altri ancora con una grande visione: fare della terra una dimora per D-o più grande ancora dei Cieli. 

Gheula Canarutto Nemni

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s