Cosa sta dietro la dipartita di un giusto

Ci sono cose che non capisci nella vita.

Che ti fanno alzare gli occhi al cielo e sentire il bisogno di urlare: perché?

Eventi che vorremmo cancellare dal calendario, dalla storia del mondo, portando indietro le lancette dell’orologio o entrando in una macchina del tempo che riporti al momento prima.

Notizie che non vorresti avere mai sentito, che continui a ripetere in testa perché il tuo cervello non riesce a realizzare anche dopo cento volte che hai provato a farglielo capire.

Non è possibile, non è possibile, non è possibile, continui a dire come se questo mantra avesse il potere di cancellare l’atrocità dell’accaduto.

Quando Aronne perse i sui due figli tragicamente, lui che aveva la possibilità di parlare con D-o, non fece domande, non aspettò risposte.

Vaidom Aharon, e Aronne si ammutolì.

Silenziò la voce dentro di sè, soffocando la voglia dell’uomo di bombardare i cieli di domande e di richieste di spiegazioni.

C’è però anche scritto e la persona viva interiorizzerà nel proprio cuore.

Di fronte alle scelte di D-o incomprensibili a noi umani, dobbiamo fare i conti con noi stessi. Quello che succede intorno è una lezione di vita per ognuno di noi.

Quando accadono tragedie il messaggio non è solo privato, non è solo destinato ai famigliari più stretti.

Il messaggio è per ognuno di noi, per tutti noi.

Un campanello d’allarme per costringerci a fare un esame di coscienza profondo.

Per capire la responsabilità che ognuno di noi ha, senza eccezione, nella comunità in cui vive.

Per ponderare se stiamo vivendo giornate egocentriche o riusciamo nella nostra corsa quotidiana a inserire momenti anche per gli altri.

C’è scritto che la morte dei giusti serve a fare perdonare l’intera generazione.

Quando una persona che è solo bene viene prelevata da questa terra, siamo noi come collettività che dobbiamo migliorare.

In momenti difficili non sono le domande che cambieranno la situazione, ma una virata drastica nel modo in cui ognuno di noi vive e si relazione con gli altri.

Un giusto ha lasciato pochi giorni fa questa terra per unirsi alle anime dei giusti in cielo. L’unica cosa che possiamo fare è cercare di provare con tutti noi stessi a fare in modo che da Lassù, Nathan, lo tzadik silenzioso di Milano, ci guardi e dica: sono fiero di avere fatto parte di questa comunità di persone.

Gheula Canarutto Nemni

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s