Manifesto dell’ebraismo

manifesto

Manifesto dell’ebraismo*

 

Uno spettro s’aggira per il mondo- lo spettro dell’ebraismo. Tutte le potenze si sono alleate in una santa battuta di caccia contro questo spettro: scettici e atei, agnostici e antisemiti, ignoranti e persone colme di pregiudizi.

Quale partito d’opposizione non è stato tacciato di filosemita dai suoi avversari di governo; qual partito d’opposizione non ha rilanciato l’infamante accusa di ebreo, talvolta addirittura ortodosso, tanto sugli uomini più progrediti dell’opposizione stessa, quanto sui propri avversari reazionari?

Da questo fatto scaturiscono due specie di conclusioni.

L’ebraismo è di già riconosciuto come la religione da cui tutte le altre prendono spunto.

E` ormai tempo che gli ebrei espongano apertamente in faccia a tutto il mondo il loro modo di vedere e di vivere, i loro fini, le loro tendenze e che contrappongano alla favola dello spettro dell’ebraismo un manifesto della religione stessa.

A questo scopo si sono riuniti sotto al Monte Sinai ebrei ed ebree dalle personalità più diverse e hanno ricevuto il seguente manifesto che rimarrà eternamente immutato in tutte le parti del mondo.

La rivoluzione ebraica è la più radicale rottura con i rapporti tradizionali di razionalità; nessuna meraviglia che nel corso del suo sviluppo ci siano stati vari tentativi di ricondurre tutto alla logicità, cercando di sminuire tutto ciò che è riconducibile alla fede, alla emunà.

L’ebreo, dal momento in cui ha sentito le parole di D-o tuonare nella sua anima e nel proprio intelletto, non ha smesso di adoperare tutte le forze concesse dal Cielo per tramutare il buio in luce e moltiplicare al più presto possibile la massa delle forze del bene.

Queste misure saranno recepite in maniera differente a seconda dei diversi individui. Ci saranno quelli più portati alla razionalità, che tenderanno a dimenticare un po’ i comandamenti legati all’unicità di D-o e alla proclamazione costante della Sua esistenza. E quelli che invece enfatizzeranno più gli aspetti irrazionali, accantonando erroneamente i comandamenti che esigono rispetto del prossimo, della sua famiglia e dei suoi beni.

Tuttavia, dovranno essere applicati a tutti gli ebrei indistintamente i (Dieci) provvedimenti (o Comandamenti) seguenti:

1. Il principio di fede nel D-o dei nostri padri.

2. L’unicità di D-o e il divieto di servire qualsiasi divinità al di fuori di Esso.

3. Il divieto di pronunciare il nome di D-o invano.

4. L’obbligo di rispettare la santità del Sabato.

5. Il dovere di rispettare il padre e la madre.

6. Il divieto di uccidere.

7. Il divieto di commettere adulterio.

8. Il divieto di rapire e rubare.

9. Il divieto di testimoniare il falso.

10. Il divieto di desiderare ciò che appartiene al prossimo.

Da quel momento gli ebrei sdegnano di nascondere le proprie opinioni e le proprie intenzioni. Dichiarano apertamente che i propri fini possono esser raggiunti soltanto seguendo ciò che D-o da loro richiede. Il popolo ebraico, ottemperando ai dettami della Torà, non ha da perdervi che le catene di un mondo che cerca di appiattire tutti su una stessa posizione e opinione. Hanno un mondo (presente e futuro) da guadagnare.

EBREI DI TUTTI I PAESI, UNITEVI!

*Liberamente tratto e riadattato dal Manifesto del partito comunista

Gheula Canarutto Nemni

Advertisements

L’accento

numeriC’è la cabala e la kabalà. C’è quella con la ‘c’ iniziale e quella con l’accento sulla ‘a’. C’è quella che cerca di indovinare i numeri dell’Enalotto, l’oroscopo del mese prossimo, la posizione degli astri quando nascerà un figlio. Quella con la ‘c’ all’inizio, inseguita da chi è alla ricerca di una vita più facile, di un futuro meno incerto, di carte da scoprire e segnali propiziatori da interpretare. Quella senza accento, che scarica l’uomo delle proprie responsabilità rimettendo il suo destino nelle mani di numeri e pianeti, che illude l’individuo sulla possibilità di ottenere ciò che vuole senza sforzo e con un pizzico di magia. E poi c’è la kabalà, quella rivelata sulla terra da Rabbi Shimon bar Yochai. Quella che racconta l’intenzione che sta dietro alla creazione del mondo, alla discesa di D-o, attraverso diverse contrazioni, in un universo dal buio così profondo. Quella che descrive il possibile equilibrio armonico di giustizia e misericordia, di forza e bontà nelle sfere divine e la potenzialità di riconciliazione di questi opposti, grazie allo studio e al lavoro costante dell’uomo,  a livello terreno. Questa è la kabalà, quella vera, originale, con l’accento sulla ‘a’. Un accento che pone l’accento sull’individuo, mettendolo al centro del proprio mondo, fautore di ciò che gli sta intorno. Un accento in più che attribuisce alla vita dell’uomo un significato profondo, la responsabilità del destino, l’importanza dello sforzo e di un duro lavoro interiore per potersi svegliare domani, una persona migliore. Una strada aperta da Rabbi Shimon bar Yochai che, alla vigilia di shabat, prima del tramonto, vide un uomo correre con due rami di mirto in mano. “Per cosa sono?” gli domandò. “Sono in onore dello shabat” gli rispose. “Perché non ne basta solo uno?” gli chiese. “Uno è per il comandamento ‘ricorda’ e l’altro è per ‘osserva’. Rabbi Shimon si rivolse al figlio e gli disse “guarda come sono preziosi i comandamenti per i figli di Israele” diventando così il tramite di una filosofia, di una mistica accentata, in grado di trasformare le buone intenzioni, le piccole azioni, i pensieri di un uomo in costante cammino, in profonde rivoluzioni.

Gheula Canarutto Nemni

I Miei figli…

Adoro quando i miei figli stanno insieme. Radunati intorno a un tavolo, seduti sul divano, accovacciati per terra a chiacchierare fino a tardi. Mi riempie il cuore quando cala la notte e tutti dovrebbero essere nel proprio letto, sentire  i loro sussurri attraversare l’aria mentre pensano che nessuno li stia intercettando. Mi piace vederli camminare mano nella mano, mentre cercano di indovinare quale direzione prendere e poi guardarli procedere spediti verso la meta senza farsi distrarre da chi gli sta intorno. Li guardo sperando che nessuno faccia caso a questo loro grande amore. A questo affetto primordiale che li lega al di là dei vincoli di parentela. E che li rende in grado di creare una catena di solidarietà e aiuto appena sentono che un fratello o una sorella è in difficoltà. Quando questa armonia si rompe, per me è un’indicibile sofferenza. Li osservo mentre strillano uno addosso all’altro, con una voce che non ricordavo di avere loro creato. Assorbo in silenzio i colpi che provengono dalle loro futili discussioni, che annebbiano l’indissolubilità del loro legame, rendendolo più un sentiero minato che un armonico campo, come ho sempre sperato. Mi nascondo dietro le quinte perché non mi piace vederli combattersi in questo modo. Sono tutti figli miei, li ho allevati con lo stesso amore. Eppure sembrano dimenticarsene quando interessi, capitali, potere, idee politiche e tutte quelle cose che la vita spaccia come importanti, prendono il sopravvento rispetto familyal comune percorso. E’ per questo che ogni tanto soffio dall’alto un vento silenzioso, facendo volare cappelli, etichette, titoli e appartenenze. Il mondo li guarda e li riconosce per quello che sono. I miei figli. E quando da fuori qualcuno ricorda loro da dove provengono, l’unicità di quell’origine e cammino solitario, ecco che per incanto, anche loro se ne rendono conto. E nell’abbraccio che si dedicano l’un l’altro, nel  recuperare quel senso di famiglia e di appartenenza, nella capacità di ricominciare a volersi bene al di là di confini e bandiere, lì ritrovo i miei veri figli. I figli del mio popolo.

Gheula Canarutto Nemni

Un regalo scontato (?)

Past_Present_FutureHai tre opzioni ogni giorno. Tre svincoli su cui deviare il tuo ritmo di vita e da lì procedere verso il tuo obiettivo. Puoi camminare guardando sempre all’indietro. Rivolgere gli occhi verso il passato remoto, prossimo o l’imperfetto. Puoi sospirare ogni secondo pensando ai bei tempi che furono. A ciò che non hai, a ciò che non senti, a ciò che non vedi, più. Puoi rimpiangere sentimenti e emozioni, albe e tramonti, lune piene e solstizi. Puoi vivere nel ricordo perenne di ciò che ormai è svanito e continuare a constatare che nulla è più come prima. Oppure puoi svegliarti con il pensiero che domani sarà sicuramente diverso. Che il cielo del mese prossimo sarà più azzurro di quello di oggi, che i bambini saranno più gestibili tra qualche anno, che il paese dove un giorno andrai a vivere non avrà nulla in comune con lo sfacelo che ti sta intorno. Puoi sognare conti correnti con molti più zeri di quelli che possiedi, metri quadrati in cui ti perderesti per ritrovare la tua stanza da letto, cibi raffinati che finora non hai mai assaggiato. Oppure puoi svegliarti al suono della tua sveglia e ringraziare D-o per quello che, oggi, possiedi. Per quelle voci che, al di là della tua porta, reclamano un biberon, una tazza di latte e cereali, l’attenzione di un genitore distratto. Puoi guardare con occhi nuovi tutto quello che già ti sta intorno e che magari, per il tuo vicino, è parte di un lontano passato, di un futuro ancora non arrivato, di un sogno mai realizzato. Puoi inspirare l’aria che ti circonda, la preziosità di un istante, la fugacità di un attimo, il regalo che ti è stato appena fatto. Quella manciata di secondi che stanno proprio ora trascorrendo, che costituiscono il tuo presente, rendendolo così poco afferrabile e impalpabile. Se non ora quando, diceva Hillel il saggio qualche migliaio di anni orsono. Sapendo che la difficoltà  di apprezzamento del momento sarà scritta nel Dna dell’uomo  per ancora lunghissimo tempo.

Sono una femminista non femminista

Sono una femminista. Antifemminista.

Credo nel diritto delle donne ad entrare in qualsiasi ruolo e posto e da lì dimostrare di avere talento. Non credo nelle quote rosa. Nel loro poter davvero cambiare qualcosa. Quei posti numerati e dedicati a poche donne che comunque, per potere sedere nei consigli di amministrazione fino a tarda notte probabilmente rinunceranno ad allattare i propri figli, se mai ne metteranno al mondo almeno uno.

Credo nella donna, così come è stata creata da D-o. Credo nel suo spirito battagliero ma pacifico, nella sua capacità di ottenere ciò che desidera con toni tenui, nel suo ruolo fondamentale per portare avanti la gente di domani.

Non credo nell’appiattimento della donna sul modello maschile. Nel suo indossare i pantaloni a tutti i costi per dimostrare di poter arrivare. Nel suo ragionare, vivere, lavorare come un uomo.

Credo nel sacrosanto diritto della donna a vivere una vota tranquilla. A non dovere temere di trovarsi per strada dopo le sette di sera, a non aprire il portone con le mani che tremano per la paura di ciò che aspetta davanti all’ascensore, a non soccombere davanti a un uomo solo perché è fisicamente più forte di lei.

Non credo nel diritto della televisione di mostrare le donne molto scoperte, nelle pubblicità di appiccicare alla donna il ruolo di adescatrice.

Credo nella donna in quanto tale. In quanto madre di famiglia, compagna di vita, figlia di genitori anziani, docente, dottoressa, professoressa, ricercatrice, scrittrice, giornalista, deputata. In quanto in grado di tenere in equilibrio persone e ruoli e ostentare fiori colorati in un vaso e un sorriso ammaliante sul viso.

Non sono una femminista, nel senso inteso dal mondo. Non per questo ritengo che il mio sia “un grido di battaglia al contrario, uno slogan negativo che si ritorce contro le stesse donne.” Credo semplicemente che il femminismo abbia preso una piega sbagliata, una strategia non sempre vincente.

Mi dichiaro non-femminista, ma non perché provengo da un ceto basso. Forse non farò parte di un’elite di intellettuali, ma sono laureata, ho un master e ho insegnato per anni in una delle università più prestigiose d’Italia. E, anche se non femminista, posso sottoscrivere e giurare di essermi formata in un ambiente stimolante e paritario, quello della mia famiglia, d’origine e che mi sono formata, in cui uomini e donne non sono giudicati in base alla M o alla F che segnano su moduli e questionari, ma in base al proprio talento, attitudini, capacità e ruoli che la natura (che mi ostino a chiamare D-o) dà ad ognuno.

In una cosa dò ragione a Sabina Sestu nel suo articolo su Giulia Giornaliste (http://giulia.globalist.it/Detail_News_Display?ID=56814&typeb=0&-Io-sono-femminile-non-femminista-)

Sono una donna che ha tanti figli, che ha provato con tutta se stessa a non mollare. Ma quando tento di fare sentire la mia voce a quei movimenti che si definiscono ‘femministi’, invece di solidarietà e aiuto trovo molta opposizione. Per questo “sento davvero lontano e ostile qualsiasi movimento femminista. Forse perché troppo teorico e slegato dalla loro realtà quotidiana, troppo intellettuale”, come dice Sabina Sestu. C’è troppa  autoreferenzialità. I movimenti femministi che vengono in aiuto solo delle proprie associate, iscritte, affiliate, mentalmente allineate, non sento che difendono me, donna e madre, ma solo se stessi.

 

Gheula Canarutto Nemni

http://www.nonsipuoaveretutto.com

L’ebook

Non ci credo. Ma è davvero così. Finalmente se digito ‘non si può avere tutto’ trovo l’ebook del romanzo.

Oggi è il 3 di Nissan, data in cui quindici anni fa l’anima del mio papà, z’l, che sia benedetta la sua memoria, è salita in Cielo.

D-o, nelle Sue vie, è infinito. E anche stavolta è riuscito a sorprendermi.

Mio padre incideva ‘w la libertà’ sui banchi di scuola da quando aveva dieci anni.

Questo romanzo è un inno alla libertà. di scelta, di strada, di convinzioni, di non-convenzioni.

Grazie D-o, grazie papà.

Spero di non deludervi in questa sfida al gigante Goliath…

Gheula

p.s Per acquistare il libro andate su

http://www.bookrepublic.it/book/9788867556618-non-si-puo-avere-tutto/

Spero nei vostri feedback.

Buona lettura!

Presidente Monti

image

“Ci vuole esercizio mentale per entrare nella mentalità delle donne e potere capirle di più. E noi dobbiamo farlo” così dice il presidente Monti ieri pomeriggio al Teatro Parenti davanti a un centinaio di donne. Alzo la mano per intervenire.

image

“Presidente, quando ero piccola Conciliazione era il nome di una fermata della metropolitana.  Da lì passavo ogni giorno sperando di potercela fare. Poi mi sono sposata, laureata, messo su famiglia. Ho conseguito un Master, insegnato nella sua università. Ma Conciliazione è diventato il nome della mia fermata professionale.” Mi sono alzata e diretta verso di lui. “Da brava ex professoressa vorrei consegnarle un libro su cui potrà svolgere i suoi esercizi mentali.  Mi permetta di tornare tra qualche settimana ad interrogarla” e gli ho consegnato il mio romanzo Non si può avere tutto.