Search

Gheula Canarutto Nemni

Nella diversità siamo tutti uguali

Category

fede

Piccolo grande uomo, ogni giorno e’ una pagina bianca da scrivere con frasi solo migliori…

Caro Dan,  Quando un’anima si stacca dal cielo e arriva in terra, è perchè ha una missione da compiere.

Nessuno di noi sa in cosa consista, tutti però veniamo qui con un pacchetto di mezzi in dotazione.

Perchè solo così potremo portare a termine il nostro compito. 

Se aprirai il tuo pacchetto ci troverai delle cose straordinarie, armi speciali con cui potrai cambiare giorno dopo giorno, il mondo. 

Ci troverai la tradizione, lenti attraverso le quali guardare ciò che ti circonda in maniera diversa dagli altri

Ci potrai trovare la gioia., grazie alla quale continuerai sempre a ballare

La fede,, forza interiore a cui attingere in tempi felici ma anche in quelli duri. E che non dovrai mai smettere di alimentare. 

Ci troverai l’amore, un muro che ti proteggerà dal mondo là fuori, gli affetti, una delle poche risorse per le quali il ritorno sull’investimento è assicurato 

Troverai la caparbia, la testardaggine, quel rifiuto assoluto di arrendersi di fronte agli ostacoli e alle difficoltà. Linea che trasforma pochi uomini in eroi assoluti. 

L’orgoglio di essere ebreo, anello di congiunzione tra il passato e il futuro di una nazione.

La curiosità, che ti farà cercare di indovinare cosa si trova al di là del sipario, nelle sfere celesti, nei libri mai letti.

Il canto, la musica, penna dell’anima con cui raccontare senza parole.

Troverai le lacrime, gocce salate che ti faranno fermare a riflettere.

Incontrerai delle guide, persone speciali che D-o ha mandato in terra per farci da faro. Per illuminare il sentiero nel quale camminiamo, per non farci perdere al buio. 

I tuoi maestri, uomini che dedicheranno la vita per insegnarti le cose importanti.

Ci troverai fratelli, sorelle, nipoti, cugini. Cuori con cui condividere momenti banali di vita. Ma anche queli difficili. E soprattutto quelli speciali.

Ci troverai i nonni e le nonne, rifugio caldo e sicuro con cibo e amore compresi nel prezzo.  

Ci saranno mamma, papà, due esseri che non hanno ricevuto nessun manuale di istruzione insieme al bebè che hanno messo al mondo. Individui che ti ameranno oltre a se stessi, che dedicheranno ogni loro minuto per vederti crescere nella strada giusta

Ci troverai la preghiera, quella capacità e possibilità straordinaria di connetterti con il Tuo Creatore.

Ci troverai gli ostacoli, le difficoltà. Per superarli cambia loro nome. Chiamali sfide, perchè solo così troverai la soluzione.

Amore mio, hai già tagliato un importante traguardo. Da questo momento in avanti sarai parte di un minyan, verrai contato nell’universo dei grandi. 

Sarai responsabile per i tuoi pensieri, parole ed azioni. 

Guardati indietro solo per imparare dai tuoi errori, ma poi procedi guardando sempre in avanti. 

Ogni giorno è una pagina bianca da scrivere con frasi solo migliori.

Piccolo grande amore, auguri, Mazal tov. 

E che la benedizione del Cielo accompagni  ogni tuo passo.

 Con infinito amore, 

Mamma 

Gheula Canarutto Nemni 

Advertisements

Il Rebbe. Quando i sogni hanno il potere di trasformare la realtà 

Ha visto al di là di ciò che tutti vedevano. Oltre i muri di Berlino, al di là della cortina di ferro e della guerra fredda. Ha immaginato vive, piene di persone, sinagoghe mentre erano ancora desolate ed abbandonate.

Ha sentito risuonare di nuovo voci di preghiera tra mura che erano state silenziate dall’odio assoluto, quando il vuoto ancora vi rimbombava. 

Ha guardato i bambini sfilare nella Piazza Rossa con grandi cartelli scritti in ebraico, mentre il mondo vedeva sfilare carri armati e soldati.

Ha visto migliaia di ragazzi seduti intorno a un tavolo del Seder di Pesach, sulle vette del Nepal, quando nessun ebreo ci era ancora arrivato. 

Ha acceso le luci di Chanuka in Times Square, Roma, Parigi, Honolulu e Honk Kong, mentre il buio della guerra mondiale era ancora una memoria viva e dolorante.

Ha portato parole di Torà, di tradizione millenaria, a individui che le avevano dimenticate o mai sentite prima di allora. 

Ha sognato milioni di candele dello Shabat illuminare le case ebraiche. 

Ha fermato per la strada uomini indaffarati, distogliendoli da impegni d’affari urgenti, per avvolgere il loro braccio con i tefilin.

Essere ebrei avrebbe dovuto essere un onore, un privilegio, non una identità scomoda. Dire sono ebreo, avrebbe dovuto essere fonte di fierezza, non di vergogna. 

Se oggi, viaggiando a Guangzhou e passeggiando nelle spiagge della Thailandia, troviamo cibo kasher, minyan, un volto amico, lo dobbiamo a un uomo che ha creduto nel potere dei sogni. 

Se oggi essere ebrei sembra quasi facile, se ogni città del mondo ha il proprio mikveh e per milioni di donne è diventata una abitudine andarci, è perché lui non ha smesso di crederci. 

Forse oggi non riusciamo a vedere il Rebbe. Ma quello che ha fatto, sognato, realizzato, rivoluzionato, accompagna le vite del nostro popolo in ogni angolo della terra. 

Quando l’anima di uno tzadik si separa dal corpo, la sua influenza sulle persone che gli erano vicine e sul mondo intero, diventa ancora più grande. 

Grazie Rebbe per la luce che porti ogni secondo nel mondo. 

Gheula Canarutto Nemni 

Quando l’Occidente mette in dubbio la legittimità di Israele, nega l’esistenza di D-o stesso

 

Fiat lux, e luce sia, ordinò D-o e per la prima volta un raggio trafisse l’universo. Ci sia una divisione tra il cielo e la terra, continuò D-o, facendo comparire l’orizzonte. Vi siano alberi, fiori, la luna, il sole, le stelle. Le foglie iniziarono a respirare l’ossigeno e a sintetizzare la luce per trasformarla nel proprio nutrimento. E poi arrivarono i pesci, i volatili, le pecore, i cavalli. L’uomo.

Iniziò la storia del mondo.

E D-o disse ad Abramo ‘questa terra la darò a te e ai tuoi discendenti’ ed apparve a Isacco suo figlio, per ribadire la propria promessa. E Giacobbe scappò dal fratello Esaù. Durante la fuga si mise a dormire e D-o gli promise in sogno ‘darò la terra su cui sei sdraiato a te e ai tuoi discendenti’.

E poi arrivarono i discendenti di Abramo, Isacco e Giacobbe che continuarono a leggere e a studiare la Torah, la parola di D-o e i suoi insegnamenti.

E poi arrivarono i discendenti dei discendenti e non smisero mai di credere nemmeno per un attimo alle promesse che D-o, il Creatore del mondo, aveva fatto ai loro padri.

E poi arrivarono degli uomini che dicevano di essere persone di fede, credenti. Uomini che non si facevano smuovere dalle teorie sul big bang e i buchi neri. Persone che avrebbero cavalcato nel Medioevo per migliaia di chilometri pur di liberare i propri luoghi sacri e riportare la parola di D-o là dove regnavano gli infedeli.

La storia si popolò di individui che avrebbero giurato di dire la verità sul libro più letto e venduto del mondo, su un testo in cui credevano fermamente.

E questi stessi individui, che si dichiaravano credenti, si riunirono per decidere le sorti di un fazzoletto di terra umido, desertico, senza nessun appeal razionale.

Abbracciarono rappresentati del terrore mettendo da parte stragi, bambini sgozzati, terrore, orrore, massacri di innocenti che avvenivano sotto ai loro occhi silenti e dedicarono le proprie energie a un puntino geografico quasi invisibile sul mappamondo.

La storia si riempì di uomini dal buonismo selettivo, dalla coscienza relativa, dalla fede limitata a ciò che era più confortevole.

Quando l’occidente si siede a tavolino per discutere la legalità e legittimità dello Stato di Israele e il rappresentante della cristianità abbraccia degli assassini non è di politica né di diritti umani che si discute. Ma di D-o. Di D-o e della Sua parola.

Perché se un individuo crede che sia stato D-o a generare la luce a soffiare dentro di lui l’anima stessa, se prega a D-o, quello stesso D-o che ha creato il mondo, se crede nella veridicità della Bibbia e la considera un libro sacro, quello stesso individuo non può mettere in discussione la parola divina quando D-o dichiara ad Abramo, Isacco, Giacobbe, Mosè, Isaia, che la terra appartiene al popolo ebraico.

Chi mette in dubbio che la terra di Israele appartenga al popolo ebraico, sta mettendo in dubbio la propria fede, sta negando la veridicità della Bibbia. E l’esistenza di D-o stesso.

Gheula Canarutto Nemni

 

 

 

Quando l’amore ti insegna ad andare oltre a te stesso

24.000 studenti di rabbi Akiva. 24.000 individui con opinioni diverse. 

Ognuno ascoltava il maestro e pensava, ah senza dubbio è questo ciò che intende. 

Si volevano bene questi studenti, erano discepoli di un rabbino il cui motto era ‘ama il tuo prossimo come te stesso’. 

Fu proprio questo amore profondo a portare alla loro morte.

 Soffrivano profondamente nel vedere che i compagni possedevano una interpretazione delle parole di rabbi Akiva, così diversa dalla propria.

 Se dovevano amare gli altri come se stessi, dovevano fare di tutto per allineare il pensiero dell’altro al proprio. Altrimenti sarebbero stati degli egoisti, ad avere trovato la strada vera e a tenersela solo per se stessi.

 Così pensavano gli studenti di rabbi Akiva, studiavano e cercavano di imporre la propria strada interpretativa, agli altri. Amavano così tanto da morire, puniti per questo eccesso d’amore che tenta di allineare.

 Finché arrivo’ Rabbi Shimon bar Yochai, studente di rabbi Akiva. 

Capi’ e insegno’ che la realtà possiede infinite sfaccettature perché la materia non vive di vita propria, ma non è’ altro che la manifestazione profonda dell’infinito.

 Proprio in queste opinioni così diverse, in questa capacità di percepire in maniera differente qualcosa che sembrerebbe uguale agli occhi degli umani e alla loro mente, sta la dimostrazione che la materia sebbene limitata, prende vita dall’infinito e li’ anela a tornare.

 Per questo corriamo ogni giorno con obiettivi materiali in testa. Ma lentamente, col passare degli anni, capiamo che la felicità vera arriva da qualcosa che non possiamo spendere. Ne’ toccare. 

Per questo cresciamo, cambiamo fisicamente, invecchiamo. Eppure una parte di noi ci accompagna inalterata lungo il cammino.

 Per questo dimentichiamo che dietro al corpo materiale c’è un’anima che pulsa identica alla nostra e riusciamo a giudicare gli altri attraverso solo ciò che vediamo e sentiamo. 

Gli studenti di rabbi Akiva amavano i propri compagni come se stessi. Come un genitore ama un figlio e cerca di insegnargli l’amore per la musica e per la matematica, pensando che ciò che piace a loro piacerà sicuramente anche al figlio. 

Venne rabbi Shimon e disse. C’è l’io, il tu e il loro perché la materia è’ definita e ben limitata. 

Ma ognuno deve cercare di scoprire il noi, quell’anima fatta di spirito che condividiamo. 

Allora le diverse opinioni diventeranno sfaccettature colorate di un diamante attraversato da un raggio di luce. 

L’infinito percepito dalle diverse materie intellettuali. E alla fine siamo un tutt’uno. 

Se solo una singola persona manca dal popolo ebraico, la presenza divina, la shechina’, non puo’ manifestarsi, disse rabbi Shimon.

 Gli studenti di rabbi Akiva lo capirono e smisero di morire. Se solo un pensiero diverso dal nostro sparisse, noi, noi stessi, non saremmo più quello che siamo. 

Gheula Canarutto Nemni 

Perché gli ebrei pongono sempre domande?, mi hanno domandato. Perché no?, ho riposto

pesach e domandeE quando smetterai di porti domande, quando non alzerai più gli occhi al Cielo chiedendo ‘perché?’, sappi che lì, in quel preciso momento, la storia potrà dirsi interrotta.Non lasciare che forze esterne ti convincano di essere arrivato. Di essere giunto a quello stadio per il quale la domanda è segno di sconfitta. Sono le domande che da sempre ci hanno tenuto in vita. Così mi hanno insegnato.

Esistono anche le domande di chi non vuole sentire risposta e di chi non possiede nessun punto di partenza. Ma non sono queste le domande che fanno crescere. Le domande, quelle vere, provengono da chi approfondisce, da chi si muove senza interruzione nel territorio della conoscenza continua.

E non ti stupire quando scoprirai che già, molto prima di te, qualcuno si era già posto lo stesso quesito. Qualcuno come te si è alzato al mattino domandandosi ‘quale è lo scopo per il quale sono stato creato?’. E un altro è andato a dormire chiedendo a se stesso ‘perché non sono felice?’ Sono queste domande che hanno insegnato all’uomo a guardare oltre se stesso.

C’è quel quarto figlio nella Hagadah di Pesach, il figlio che non sa domandare. Che teme di manifestare esplicitamente ciò che ancora non comprende. In questa mancanza di coraggio sta il pericolo più incombente. Più che nel malvagio, più che in quello un po’ lento. Il pericolo sta in chi non si sporge al di là della propria siepe, incapace di andare oltre a ciò che già conosce. Il quarto figlio si chiude in se stesso, arrogante nelle proprie risposte. Ma senza domande non si apriranno mai nuove porte.

Isidor I. Rabi, premio nobel per la fisica, raccontò di come sua madre, un’ebrea di Brooklyn, lo accogliesse ogni giorno. Non gli domandava ‘cosa hai studiato?’ o ‘che voto hai preso?’. Gli domandava ‘Izzy, hai posto una buona domanda oggi? Questa è stata la spinta che mi ha portato al Nobel, disse Rabi.

Nella festa della liberazione assoluta, che si chiama Pesach, dalla radice saltare, perché D-o andò oltre alle case degli ebrei durante la piaga dei primogeniti. Ma che si chiama Pesach anche perché ognuno di noi, per crescere, deve saltare e andare oltre alle proprie certezze, durante questa festa in cui ricordiamo le dieci piaghe e la spaccatura del Mar Rosso, miracoli davanti ai quali nessun ebreo ebbe alcuna domanda o dubbio, proprio in questi giorni incoraggiamo le domande, quelle giuste, quelle che nascono dalla conoscenza.

Apri tu la strada a chi non sa domandare, suggerisce la hagadà, il libro che rileggiamo ogni anno.

Poni la base giusta per le domande dei tuoi figli, in modo che non siano domande fini a se stesse, domande gettate lì per il gusto di filosofeggiare. I libri in cui sono contenute le risposte dei nostri saggi si chiamano ‘sheelot utshuvot- domande e risposte’. Perché per l’ebraismo l’infinito non è una curva orizzontale.

Ma una curva che tende verso l’alto, un punto di domanda, che sta in piedi su un punto piccolo ma fermo, chiamato fede.

Gheula Canarutto Nemni

 

Il bene o il male. Ora non c’è la via di mezzo.

seed in open ground

So benissimo cosa sognate quando spalancate quelle porte e inneggiate a un dio vendicatore. Si possono percepire i vostri pensieri quando, con gli occhi infuocati, sperate di chiudere per sempre più palpebre possibili. Irrompete in una sinagoga e fate a pezzi le persone che stanno pregando. Spinti da principi omicidi tingete di sangue un tallit e le pagine di un sidur, strappandoli alla vita delle spalle che lo stavano indossando e delle labbra che lo stava leggendo. Ma, forse, non l’avete ancora capito. Che, con le vostre minacce, con i vostri pugnali assetati di violenza, non devierete i nostri passi dalla sinagoga dove andiamo ogni giorno. Non toglierete il volume allo Shemà Israel che pronunciano con enfasi e innocenza i nostri figli prima di cedere al sonno. Non impedirete l’apertura di nuovi centri illuminati dalla eterna luce della Torà e dei suoi insegnamenti. Non ce la farete a spaventarci, a farci scappare e dimenticare. Non potrete mai farci voltare la faccia alla nostra essenza, a ciò che ci ha tenuto in vita, a dispetto di chi, al pari vostro, ha sognato per migliaia di anni di vederci d’un tratto sparire. Anzi. Hanno distrutto il nostro santuario di Gerusalemme, abbiamo fondato migliaia di sinagoghe in ogni angolo del mondo. Ci hanno buttato nelle fosse dei leoni, abbiamo capito che, se lottiamo insieme, nessuno ci potrà sbranare. Ci hanno bruciati vivi negli autodafè in Spagna con l’accusa di pregare di nascosto in ebraico, la fiamma ebraica ha continuato a consumare l’ossigeno in altri paesi del mondo. Hanno marchiato a fuoco le braccia dei nostri bambini, delle nostre donne e anziani, con la speranza di schedare quei numeri in archivi e musei dell’ebraismo. Contrariamente a ogni pronostico, anche da queste ceneri siamo resuscitati. Per migliaia di anni hanno cercato di seppellirci. Non sapendo che noi siamo dei semi. Che le prove a cui veniamo sottoposti, non sono altro che una scala per arrivare più in alto. Un uomo chiamò un rabbino dopo l’attentato di Bombay. “Solo in quel posto, nel Beth Chabad di Rav Gavriel Noach, mi sentivo connesso. Non metterò mai più i tefilin nella mia vita”. E il rabbino gli rispose “Questo è lo scopo a cui i terroristi, questi seminatori di buio, vogliono arrivare. Con le tue azioni puoi scegliere. Quale parte vuoi rinforzare.”

 

Gheula Canarutto Nemni

marc chagallFiocco rosa sulla porta. E’ l’inizio di una nuova vita. La piccola creatura non indosserà i pantaloni, ma delle gonne a fiori. Non giocherà a calcio ma danzerà al ritmo dello Schiaccianoci, non lancerà macchinine sul tavolo appena apparecchiato ma vestirà bambole con pigiamini e cappelli. Non per questo però, non per questo suo essere diversa da quei nati sotto al segno del fiocco azzurro, che la nostra piccola principessa varrà di meno. Non per questo suo superare indenne l’ottavo giorno di nascita, per questo suo mancato affrontare il brit mila’, la circoncisione, che questo essere non potrà avere un impatto importante, enorme, sul destino di un’intera nazione. E’ attraverso questo fiocco rosa che il popolo potrà continuare il proprio cammino, è attraverso di lei che si trasmette l’appartenenza alla nazione, per via matriarcale. Sarà la sua attenzione al cibo che compra e cucina, a garantire che in casa si mangi come D-o comanda. Sarà la sua volontà di non interrompere la catena tramandata fino a lei, a farla immergere ogni mese nelle acque del Mikveh, la vasca piena di acqua piovana. Sarà il suo sogno di vedere intere generazioni seguire le orme dei propri avi, a farla pregare con gli occhi coperti e l’anima rivolta al proprio Creatore, davanti alle fiamme danzanti delle candele accese il venerdì sera. Sarà la sua radice spirituale elevata a renderla superiore al fiocco azzurro con cui molto la confronteranno. D-o l’ha creata in modo che non si perda mai d’animo, consapevole che non sarà certo quella gonna lunga a impedirle di saltare più in alto. Per merito delle donne giuste il popolo ebraico è stato tratto in salvo dall’Egitto. Per merito di quelle donne che risvegliavano i propri mariti quando rientravano stanchi dalla costruzione delle piramidi. Donne che ricordavano ai propri consorti il dovere di mandare avanti la nazione ebraica nonostante decreti crudeli ne minacciassero la sopravvivenza. Per merito di queste donne che non si persero mai d’animo e che nessuna difficoltà riuscì ad eroderne la fede, siamo ancora qui oggi. E per merito delle loro discendenti, della loro volontà, testardaggine, nel tramandare la Torà e le mizvot ai propri figli nonostante fuori si sia minacciati da ogni versante, che finalmente vedremo una luce, la Luce, alla fine di questo millenario tunnel.

 

 

Gheula Canarutto Nemni

In nome dei milioni di donne ebree di tutti i tempi

#guardiamoavanti

Il suono della sveglia.

Quel fastidioso insieme di note stridenti capaci di strapparci dal sonno, dai sogni, dal riposo e dalla passività della notte. Per gettarci senza preavviso nella prossima corsa, nelle future contrattazioni, negli affanni, nelle ricerche, nei movimenti inesorabili delle lancette. Fino al prossimo momento in cui appoggeremo la testa sul cuscino. E, chiudendo gli occhi, ci riconsegneremo a morfeo e a Colui il quale ci farà sottoscrivere le azioni compiute durante la giornata appena trascorsa.

Il suono della sveglia.

Quel suono che fa alzare di scatto milioni di persone ogni giorno. Consapevoli del fatto che, se gireranno la testa dall’altra parte mormorando ‘ancora un minuto’, si sveglieranno dopo qualche ora imprecando contro il proprio sonno arretrato. Quello scatto, quell’alzarsi di colpa, qualche volta aiuta a raggiungere il lavandino in tre secondi. Altre volte, porta però allo svenimento. Perché quell’alzarsi in fretta e furia crea uno scompenso nella quantità di sangue che dovrebbe affluire al cervello.

Un gruppo di neurologi, dopo aver studiato il fenomeno, è giunto alla conclusione che è necessario fare passare 12 secondi dal momento in cui si aprono gli occhi al momento in cui ci si alza.

12 secondi in cui si può pensare all’agenda del giorno, in cui ci si può abbandonare alla speranza che gli affari delle prossime ore si concludano bene, in cui ci si può ripromettere di inquinare meno del vicino del sesto piano.

12 secondi, che, se sei ebreo, si possono trasformare in una dichiarazione di fede assoluta, nel mantra millenario di una nazione, nella ripetizione quotidiana di una certezza, in una guida e un sostegno, in ogni sfida, in ogni vittoria e in ogni caduta del nuovo giorno.

Mode Ani Lefanecha Melech Chai Vekayam, Shehechezarta Bi Nishmati Bechemla Raba Emunatecha. Ti ringrazio Re vivo ed eterno, per avermi restituito l’anima. Grande è la Tua fede.

12 secondi in cui ricordi a te stesso che ci vuole infinita umiltà, per poter alzare la testa.

Gheula Canarutto Nemni

 

 

modeh

Blog at WordPress.com.

Up ↑

%d bloggers like this: