D-o ce la posso fare

Girati indietro. Pensa a come eri seduto l’anno scorso, stretto tra le persone. A come stavi in piedi per la benedizione dei cohanim, schiacciato tra la folla che compare in sinagoga nel giorno di kippur.

Come chiacchieravi con chi ti stava accanto, incurante dei colpi di tosse che emetteva ogni tanto.

Ora guardati intorno. Un metro di distanza tra le persone, posti prenotati con settimane di anticipo, temperatura rilevata in ingresso, niente più stretta di mano al conoscente che non rivedi da un anno.

E’ accaduto l’impossibile. E tutti noi, senza preavviso, abbiamo dovuto adattarci. Abbiamo smesso di viaggiare verso molti paesi, ci siamo chiusi in casa per settimane intere, ci siamo abituati a coprire la bocca e il naso tutto il giorno come se fossimo dei chirurghi, abbiamo chiuso l’ufficio da un momento all’altro senza prendere nemmeno i documenti e ci siamo reinventati per lavorare da casa.

In pochi giorni la nostra vita è stata totalmente rivoluzionata. Un microscopico essere ci ha imposto le sue nuove regole. E noisiamo stati capaci di modificare tutte le nostre abitudini.

Questo è l’essere umano. Una creatura flessibile, adattabile, creativa. Un insieme di cellule in grado di cambiare rotta, rimettersi in discussione, guardare verso nuovi orizzonti, in un batter d’occhio.

D-o ha voluto popolare il suo mondo con esseri del genere. Non ci ha programmati statici, ma esseri geneticamente modificabili.

D-o ha innestato nell’uomo quella capacità unica, che lo distingue dagli altri esseri viventi, di guardarsi dentro, fare autocritica e compiere passi nuovi, mai intrapresi prima.

Se fino a pochi mesi fa pensavamo che cambiare fosse impossibile, in questo nuovo periodo abbiamo capito che siamo in grado di diventare diversi in una frazione di secondo. Se prima ci sembrava folle l’idea di trascorrere una giornata di 25 ore chiusi in casa senza poter prendere la macchina o andare al lavoro, ora che l’abbiamo fatto per interi mesi, abbiamo imparato che non solo è fattibile, ma può essere persino piacevole.

Nel giorno del kippur l’anima dell’ebreo si risveglia. Si tira fuori dal proprio guscio e raccoglie le forze spirituali per il nuovo anno. E se fino a poco fa ogni cambiamento ci sembrava assolutamente impensabile, ora lo sappiamo.

Siamo in grado di diventare diversi, di virare completamente, in un secondo.

In queste ore in cui la nostra anima ci dice: ti prego, trasformati nella persona, nell’ebreo, che D-o sa tu puoi diventare, non diremo più, non ce la posso fare.

Quest’anno sappiamo che ogni rivoluzione è possibile.

E che, come da un attimo all’altro, tutto può fermarsi ed essere cancellato, tutto, ma proprio tutto, può fermarsi per rinascere più forte di prima.

Gmar chatimà tovà, che sia un anno di rivoluzioni spirituali e di rinnovamento interiore

Gheula Canarutto Nemni

In Italia riaprono i luoghi di culto

Caro D-o,
stiamo tornando.
Da domani riapriranno i luoghi di culto.
I nostri piedi ci porteranno verso quegli edifici imponenti in cui la voce rimbomba come in teatro, ma anche verso quelle piccole stanze nelle quali la voce del cantore si confonde con le grida dei bambini in una cacofonia spirituale.
Da domani riprenderemo lentamente quel ritmo di vita troncato tutto d’un tratto senza preavviso.
Ritroveremo i nostri libri di preghiera impolverati, le sedie chiuse in attesa che qualcuno le riapra, le luci spente come alla fine di uno spettacolo su cui è calato il sipario all’improvviso.
I nostri passi si addentreranno solenni in quei luoghi dove non avevamo mai smesso di andare se non durante le peggiori persecuzioni.
Per noi ebrei, che non possiamo recitare molte preghiere né leggere la Torah, senza il quorum di dieci uomini, è stato un periodo strano, diverso.
Ma come ogni cosa che accade nella vita, come ogni vicenda che segna il passo dei nostri giorni, se hai voluto che rimanessimo chiusi in casa in questi mesi, significa che anche da questo c’era qualcosa da imparare.
L’assenza del luogo fisico in cui andare a cercare un contatto più profondo, ci ha costretti a ricordare che Tu D-o non sei confinato in un luogo, ma sei presente dappertutto, il mondo è Te e Tu sei il mondo, dice Maimonide.
Abbiamo imparato a cercarTi nei piccoli dettagli di vita, negli amici e parenti che si riprendevano da polmoniti gravi. Ma anche in quelle anime che si sono staccate dal corpo troppo presto, secondo i nostri calcoli umani.
Il tempo non ci era più nemico come accade nei giorni normali e così le nostre preghiere si sono arricchite di canti e Ti abbiamo ritrovato in parole che pronunciavamo ogni giorno da quando siamo nati, ma sulle quali non ci eravamo mai soffermati perché il carico degli impegni aveva perso la proporzionalità rispetto alle ore a nostra disposizione.
Durante la quarantena abbiamo stabilito orari in cui incontrarci in salotto coi nostri figli per studiare quelle parti della Torah e quei pensieri dei maestri che prima studiavamo da soli. La famiglia, questa essenza impegnativa, si è trasformata da carico pesante a colonna portante a cui afferrarci durante questa tempesta.
Caro D-o,
chissà se ci riconoscerai quando torneremo nella Tua casa. Questo periodo ci ha cambiati profondamente. Abbiamo imparato ad assaporare i momenti banali, i respiri profondi, l’assenza della malattia che prima non percepivamo se non quando veniva intaccata.
In questi mesi Ti abbiamo portato con noi, nella nostra quotidianità, più che in ogni altra festa o celebrazione.
Il quorum di dieci lo abbiamo costituito sommando insieme i nostri figli alle nostre forze interiori.
E’ stato un periodo difficilissimo, che ci ha costretto a guardarci dentro. E forse per questo D-o hai voluto che i luoghi di culto venissero chiusi. Perché quando credi che D-o sia solo lì, nei posti sacri, quando esci da quelle quattro mura fisiche, rischi di lasciare anche D-o alle tue spalle.
Invece D-o è ovunque, al di là del luogo e del tempo. Anche nel vuoto, nello spazio che Gli concediamo nella nostra quotidianità travolgente.
Ora puoi riaprire.
Perchè l’abbiamo capito.
D-o si trova là dove l’essere umano lo invita ad entrare.

Gheula Canarutto Nemni