Perchè sei antisemita? Lettera aperta di Mireille Knoll al proprio assassino

 

‘Sporca ebrea!’ mi urli mentre le ginocchia mi fanno male da quanto ho strofinato il mio pavimento, le mie mani bruciano da quanto ho pulito la mia cucina per la mia Pasqua e nella mia casa non c’è più una briciola né di sporco né di pane.

‘Hai avvelenato i miei pozzi!’ mi accusi davanti ai tuoi figli malati dall’assenza completa di norme sanitarie nella tua alimentazione, mentre io, dopo avere macellato gli animali, li sottopongo a ferrei controlli sul loro stato di salute.

‘Solo voi non prendete la sifilide!’ mi sputi in faccia mentre sto circoncidendo mio figlio in nome di una fede che migliora anche la qualità della vita.

‘Hai impastato il tuo pane azzimo con il sangue dei nostri figli!’ E io sto controllando le uova per accertarmi che non abbia nemmeno un puntino di sangue che me lo renderebbe proibito. E mi domando: da dove nasce questa accusa?

‘Controlli l’economia mondiale!’ Mi alzo la manica dove c’è impresso a fuoco il numero che ha sostituito il mio nome mentre ero internata in campo di concentramento. E ti rispondo: ti sei mai domandato da dove sono arrivato?

‘Hai ucciso il mio Dio’ mi dici mentre mi torturi affinché cambi il mio credo. ‘Il mio D-o è eterno’ sussurro esalando l’ultimo respiro.

‘Mireille, aprimi sono io’ e io, che da quando eri piccolo ti ho accolto nella mia casa e ti ho cantato le canzoni che i tuoi genitori non ti cantavano e ti ho dato l’amore che la tua famiglia non ti dava, ti ho aperto. Ti ho sorriso come sempre e ti ho fatto entrare. Ma tu hai iniziato a urlarmi sporca ebrea, hai avvelenato i miei pozzi, mi hai fatto ammalare, stai impastando il tuo pane azzimo con il sangue di mio figlio, sei più ricca di me, voglio santificare il nome del mio dio con il tuo sangue. E io ti guardo incredula e non capisco perché all’improvviso la storia sia piombata proprio nella mia casa, in queste mura abitate da una vecchietta di 85 anni che è riuscita a sopravvivere miracolosamente all’odio nazista ma non alla ferocia di un islamista.

E mentre le mie membra bruciano e la mia anima fa ritorno al Creatore, mentre le mie ceneri si uniscono a quelle dei miei cari rastrellati nel Vel d’Hiv e trasformati in fumo nelle ciminiere di Auschwitz, io Mireille Knoll, una anziana signora ebrea francese nata prima della guerra in Francia e uccisa nella sua casa di Parigi nel marzo 2018 da un vero antisemita, descritto da un sostantivo senza virgolette, un ragazzo allevato ed educato nell’odio assoluto di un popolo dal quale ha imparato a credere nel D-o unico e nella Bibbia, io idealista incallita che sono tornata a vivere in Francia nonostante la Francia mi avesse già tradita una volta, ti guardo e ti vorrei dire ‘ma io non ti odio’ nel momento in cui tu mi pugnali.

In ogni generazione c’è sempre chi tenta di sterminarci. In ogni generazione nasce una accusa falsa, una nuova menzogna. Ma la resistenza all’odio è parte del dna ebraico e le Mireille Knoll continueranno ad aprire la porta armate di fede in D-o e in un uomo migliore.

Gheula Canarutto Nemni

 

 

 

 

 

 

Advertisements

Open letter to President Obama on climate change and it consequence on terrorism

Schermata 2017-05-11 alle 22.18.56Dear President Obama,

A few days ago your words filled the air of Milano, the town where I live.

You gave an interesting perspective about technology; about the impact it is having on our children’s future. You spoke about healthy food and waste.

And then you spoke about immigration, about refugees who suffer from food shortages because of the climate change and how this has an impact on unemployment.

“I am certain that this is part of the problem that instigates radicalization and terrorism in many countries of the Middle East and South Asia. If many young people are unemployed they will channel their energies in an unhealthy way.” These were your words. I read them three times. It was hard for me, as a parent and as an educator, to believe that unemployment can be claimed as one of the causes of terrorism. It was against the values I was raised in, against all my credos; to delude oneself into thinking that a person can arrive to the point of killing somebody else simply because he himself does not have a job.

Dear President Obama, we cannot encourage the future generations in the belief that everything revolves around a job, material needs, and money.

Yes, we need these things. Food and work should be universally granted rights.

But life is complicated, and sometimes you can be unemployed, and maybe even without any food in the fridge, due to an economic crisis period or a war.

But none of these conditions can be used as a justification for killing young people in a disco, putting a bomb in a bus or throwing an airplane into the Twin Towers.

Most of the terrorists who shook our world with their heinous crimes were not unemployed or hungry. In fact, some of them were educated people, educated under a Western point of view. And extremist Islam too.

In Middle East, South Asia and Europe, people channel their energies in unhealthy way, simply because no one is nourishing their souls in a positive way.

Our society is a big ideological vacuum, where violent ideologies are free to burrow their roots. We don’t provide young generations with real values. We are trying to nourish only their bodies, and maybe their culture, sometimes. Yet we are neglecting their souls. This is the reason why youngsters run towards harmful ideologies as they grow up. Human beings are made of flesh, and a soul. Of body and spirit. We need to nourish both of these dimensions.

New generations are hungry for values; they are thirsty for life’s principles and goals.

If you wish for real human progress, you cannot deal only with the material aspects of life. You can give a person millions of dollars, but if you deprive him of a goal, of an objective to run for, he will be the emptiest person in the world, ready to be filled with good or evil.

We should do our best to provide a healthy education to every individual. This goal, this directive, depends on you. It depends on all those who can change our world.

It is not climate change that makes people turn to terrorism. It is not dry fields. It is dryness in education, in values.

We must provide them with moral food too.

Sincerely,

Gheula Canarutto Nemni

P.S. You mentioned that activists need to propose pragmatic solutions. If you are interested, I have them ready for you.

 

 

Why the world is so afraid to use the word ‘terrorist’

Why the world is so afraid to use the word ‘terrorist’

By Gheula Canarutto Nemni

Dear world, did you really think pedestrians would be over run by cars only in Jerusalem’s streets?

Did you really hope knives would strike only those who walk on disputed sidewalks?

Dear world do you realize you let yourself be deceived by media headlines and geopolitical assumptions, which describe the Middle East as a very distant, universe?

You hid your head in the sand to avoid feeling the first signals of an internal war. You closed your eyes when faced with the 2017 Jewish European exodus, in front of the terror attacks that killed men, women and children at the Jewish school gates, at the cashiers of the Hyper Casher.

Europe was not born as a U.N resolution. It was not settled by nations which were coming back home. European legitimacy was never discussed by politicians, actors and boycott movements.

So why do car rampages and terror attacks happen in London, Nice, Paris, Berlin, and Bruxelles too?

Why does all this also happen so far from Israel?

What ideology do they share, those individuals who go around looking for a victim in Israeli streets and those who kill in front of the British Parliament?

Dear world, the time has come for you to open your eyes and understand who is standing in front of you. The time has come to wake up and shake yourself from your pacifist dullness nourished with free tolerance.

This is the only way you can say, one day, I really did something to save my children’s future.

They want to deprive you of those values you fought so hard for. They are using your efforts for integration to bring you towards disintegration.

They hate your culture, your democracy. They hate your dances, your music, your diversity.

Dear world, the time has come to be brave and define that person who runs into a crowd of people who are watching the fireworks on the Boulevard des Anglais as a terrorist. The individual who runs with his car into people who are looking for a Christmas present in Berlin is a terrorist.

They are not drunk, they are not lonely wolves. They don’t suffer from depression or behaviour issues. They are terrorists who are killing innocent people whether on British, French, German or Jewish soil.

They are not only fighting to bring the borders back to before ’67. They don’t want only a part of Israeli territory. They want all Israel. And Europe. They want the whole world.

Truth, honesty and consistency are powerful weapons. Please world, start to use them before it is too late.

17504424_10211180074553438_1587843083399641041_o

 

Caro mondo, la tua integrazione si sta trasformando nella tua disintegrazione…

17504424_10211180074553438_1587843083399641041_oCaro mondo che ti eri illuso che i pedoni venissero travolti solo nelle strade di Gerusalemme. Che speravi coltelli e pugnali colpissero alle spalle solo chi cammina su marciapiedi contesi. Che ti sei lasciato ingannare da titoli mediatici e tesi geopolitiche, che descrivono il medio oriente come un universo a te molto, molto, lontano. 

Caro mondo che hai nascosto la testa nella sabbia per non sentire le avvisaglie di una guerra interna. Che hai chiuso gli occhi davanti all’esodo degli ebrei dall’Europa nel 2017, davanti agli attacchi terroristici che hanno falciato donne, uomini e bambini nelle entrate delle scuole ebraiche, alla cassa degli Hyper Casher.

L’Europa non è un insieme di stati nati da una risoluzione ONU nel 1948. L’Europa non è stata fondata da popoli che ritornavano sulla propria terra. La legittimità dell’Europa non è mai stata messa in discussione da politici, attori e movimenti boicottatori.
Eppure anche a Londra, Nizza, Parigi, Berlino, Anversa, ci sono terroristi che si buttano con la propria macchina sulla folla, assassini che ammazzano a sangue freddo ragazzi che ballano in una discoteca.

Perché accade tutto questo anche lontano da Israele, mondo, te lo sei mai chiesto? Cosa accomuna quello che gira con il pugnale per le strade israeliane e chi lo fa di fronte al parlamento inglese?

Caro mondo, solo se aprirai gli occhi e capirai chi hai davanti, solo se ti scuoterai dal tuo torpore pacifista intriso di tolleranza gratuita, potrai dire di avere fatto qualcosa per salvare il domani dei tuoi figli.

Vogliono toglierti i valori che hai conquistato con grande fatica, utilizzando la tua voglia di integrazione per disintegrarti.

Odiano la tua cultura, la tua democrazia. Odiano i balli, la musica, la diversità.

Caro mondo, solo se troverai dentro di te il coraggio di chiamare terrorista chi travolge la folla che con gli occhi verso il cielo sta guardando i fuochi d’artificio sulla boulevard des Anglais, chi si lancia contro persone mentre sono alla ricerca di un regalo nei mercatini di Natale. Non sono ubriachi, lupi solitari, depressi, non sono individui con problemi comportamentali. Sono terroristi e stanno spargendo sangue innocente dove si parla l’inglese, il francese, il tedesco. E l’ebraico.

Non vogliono solo il ritorno ai confini del ’67. Non vogliono solo un pezzo di terra d’Israele. Vogliono tutta Israele. Vogliono tutta l’Europa. Vogliono il mondo intero.

La verità e la coerenza sono armi potenti. Tirale fuori dai tuoi arsenali prima che sia troppo tardi.

Gheula Canarutto Nemni

Io, donna ebrea, sto dalla parte del burkini. A una condizione

Schermata 2016-08-18 alle 22.02.23L’ebraismo si basa su un principio fondamentale. Il libero arbitrio. La possibilità di ogni individuo di intraprendere la propria strada.

La Torah, la legge ebraica, suggerisce una via. Sta poi all’essere umano, uomo o donna che sia, seguirne o meno il suggerimento.

Nessuno impone di mangiare kasher, né di rispettare lo shabat.

Nessuno impone di mettere la kippah o di coprire il proprio corpo in spiaggia.

In Israele ci sono spiagge separate per uomini e donne, spiagge miste, spiagge libere e spiagge sorvegliate. Ognuno è libero di scegliere la spiaggia che più gli piace.

Sono ebrea e indosso un costume modesto per andare al mare. Copre le braccia fino al gomito, le gambe fino al ginocchio. Lo indosso per scelta. Non pensavo che il mio costume un giorno avrebbe fatto notizia, finendo sui titoli di tutti i giornali de mondo come minaccia ai valori occidentali.

Tra il burkini e il costume modesto ebraico esiste una differenza.

E si chiama imposizione.

Le donne ebree sono libere di indossare il costume che preferiscono, sono libere di andare nella spiaggia che vogliono. Sono libere.

Alle donne musulmane non sempre è concessa questa libertà.

Il fruscio del burkini ha svegliato improvvisamente l’Occidente dal proprio letargo.

Ha fatto più rumore delle decapitazioni di religiosi nelle proprie chiese, degli accoltellatori nei treni, dei camion che uccidono decine di innocenti lungo la Promenade Des Anglais.

Il burkini è diventato il simbolo della mancata integrazione di milioni di individui sul suolo europeo. La punta di un iceberg che nessuno ha mai osato provare a fare sciogliere nel mare della civiltà.

Non è imponendo il bikini a forza che si risolverà il problema.

Ma forse è più comodo lottare contro il burkini.

Invece di entrare nelle moschee e vietare i discorsi che infiammano con l’estremismo gli animi di milioni di giovani.

Invece di smantellare le reti terroristiche che agiscono indisturbate sul suolo europeo.

Invece di liberare veramente quelle donne. Alle quali, da oggi, verrà impedito anche di andare al mare.

Invece di educare all’accettazione del diverso e all’apprezzamento del valore della diversità.

Invece di imporre il diritto a essere diversi. Vietando il burkini si rischia di scivolare nelle metodiche delle società che impongono il velo integrale. E di vedere, in chi non si adatta al proprio stile di vita, una minaccia alla propria esistenza.

Non combattete contro il burkini o il costume modesto indossato dalle donne ebree. Non sono le religioni che vanno combattute né le loro espressioni. E’ l’imposizione della pratica religiosa. Combattete contro le società che il burkini lo impongono. Combattete contro quei mondi che uccidono la libertà ogni giorno.

Liberate le donne da chi le considera esseri umani inferiori. Non dai burkini, quando li indossano per libera scelta.

Non è con l’imposizione della laicità che cambieremo il corso della storia. Ma con l’imposizione della libertà di scelta.

Libertè è indossare il costume che si preferisce, è camminare per le strade con la kippah in testa senza rischiare di essere presi a calci, a sputi in faccia. E’ andare in chiesa o in sinagoga con la preghiera nel cuore. E non con il timore dell’urlo di morte  di un terrorista.

L’occidente si perde davanti a un burkini. Perché la battaglia contro l’estremismo è, con molta probabilità, già stata persa.

Gheula Canarutto NemniSchermata 2016-08-18 alle 22.05.44

La parrucca come mezzo di consacrazione

‘Le donne di Israele non escono con la testa scoperta’ dice il Talmud (Ketubot 72°)

‘Cosa è la religione ebraica?’ Si domanda nello Shulchan Aruch.

‘E’ la modestia che usano le donne di Israele’.

‘E quale è la cosa che rappresenta una trasgressione alla religione ebraica?’ continua lo Shulchan Aruch

‘Quando la donna esce di casa con la testa scoperta’.

Sono nata e cresciuta a Milano. I miei genitori sono di Bologna e i miei nonni di Bologna e Trieste. Sono un’ebrea italiana a tutti gli effetti. Godo di diritto di voto, sono laureata in Bocconi, dove ho insegnato alla Scuola di Direzione Aziendale per sette anni.

Porto la parrucca.

La mia mamma e la mia nonna non l’hanno mai indossata.

La mia è stata una scelta, assolutamente controtendenza.

Nessuno mi ha imposto di metterla, non c’è stata nessuna pressione sociale. Nessuna delle mie amiche la portava.

A 15 anni ho sentito una lezione sul significato della copertura dei capelli al femminile e ho deciso. Così, dal giorno dopo il matrimonio, mentre ancora frequentavo la scuola ebraica di via Sally Mayer, ho coperto i miei capelli.

Con la parrucca in testa ho sostenuto l’esame di maturità e gli esami in università.

Con la parrucca entravo in aula e insegnavo a duecento studenti.

Con la parrucca oggi vado in televisione e tengo conferenze in sale comunali con vice sindaco e assessori.

Sotto alla parrucca i miei capelli sono diventati più folti, si sono schiariti e sono diventati più mossi.

C’è la Gheula che esce per la strada elegante, truccata, con una messa in piega sempre perfetta.

E c’è la Gheula che incontra il proprio marito nella sfera privata della casa.

La parrucca è la mia libertà di essere davvero me stessa solo per la persona che ho sposato. Ed è il mio modo di continuare lo stile di vita che le mie antenate, molto prima di Singer, tenevano.

Nessuna donna ebrea è costretta, nessuno ci minaccia se non desideriamo farlo. Come nessun trasgressore dello shabat verrà lapidato.

C’è libertà assoluta per l’individuo, di seguire o di abbandonare, di restare dentro o allontanarsi.

E questa è una grande, enorme differenza con l’Islam.

L’impianto logico non è assolutamente identico. Nell’ebraismo la donna copre i capelli, per preservare. Per creare spazi dove entrano solo marito e moglie. Dove l’attrazione fisica rimane una cosa pura, privilegio della coppia sposata. L’amore è sacro.

Sotto alla chuppà mio marito mi ha detto ‘tu sei santificata per me’. Santificata, non sottomessa. Kadosh in ebraico significa distinto e privilegiato rispetto al resto del mondo. Come un sefer Torah o un libro di preghiera. Il marito è obbligato a un estremo rispetto, a stima e amore verso la moglie.

La sottomissione di un individuo a un altro non esiste nell’ebraismo. Perché nessun uomo può decidere la propria superiorità rispetto a un altro. Nemmeno lo schiavo, l’individuo che potrebbe sembrare possedere meno diritti, è in realtà sottomesso. E’ lo schiavo che deve mangiare per primo, dormire nel letto più comodo. Davanti al Creatore tutti possediamo la stessa identica dignità e valore.

Uomo e donna, marito e moglie, sono due metà della stessa anima che si incontrano durante la vita e insieme ricostituiscono l’anima nella sua completezza.

Nei giorni di mercato era proibito per i venditori ambulanti girare di casa in casa per evitare che facessero concorrenza ai venditori che stavano fermi nella piazza. Eccezione? I venditori di cosmetici. Perché per i rabbini la bellezza della donna è più importante di un commercio senza concorrenza sleale.

Anche nei giorni in cui la donna non può unirsi fisicamente al marito, è vietato che si trascuri. Perché la bellezza e la dignità della donna sono tra i principi cardine della Torah.

Secondo la mistica ebraica, il livello spirituale della donna è superiore a quello dell’uomo. Per questo D-o dice ad Abramo di seguire tutto ciò che Sarah sua moglie gli dirà di fare.

L’ebraismo stesso si trasmette per via matriarcale. L’uomo più osservante del mondo non potrà trasmettere l’ebraismo ai propri figli se non con una moglie ebrea. Fosse anche la più laica del mondo.

L’ebraismo è questo. Una tradizione che non cambia, la carne macellata sempre nello stesso modo, le donne che vanno ad immergersi una volta al mese nelle acque del mikveh. No, queste cose non accadevano solo all’epoca del romanzo di Singer. Ma accadono anche ora, grazie a D-o. Perché sono queste cose, queste regole che entrano anche nella sfera materiale della nostra vita, che hanno garantito la continuità al nostro popolo.

L’ebraismo non è pensiero né filosofia. L’ebraismo non è cultura. L’ebraismo è Torah. E la Torah in primis insegna ed esige il rispetto massimo di ogni individuo e creatura.

Mi dispiace  per le persone che percepiscono l’ebraismo in maniera triste e erroneamente lo assimilano ad altri mondi.

Perché la modestia di una donna non è abbrutimento né mezzo di sottomissione. E’ la delimitazione di una zona privata, dove grazie a D-o nessuno, se non il tuo coniuge, può entrare.

Ed è proprio la madre a trasmettere l’ebraismo, perché lei, più del padre, è in grado di tramandare il messaggio di dignità, della possibilità di diventare qualcuno non perché fai vedere qualcosa di te, ma perché tu, sei qualcosa.

Gheula Canarutto Nemni

Schermata 2016-07-22 alle 15.46.33

 

 

 

 

 

 

 

 

Israele e Gaza. Trova le differenze. Promenade des Anglais e Tel Aviv. Trova le somiglianze. Il male vince perché il mondo non vuole capire

 

Schermata 2016-07-18 alle 18.43.57 Schermata 2016-07-18 alle 18.42.22

Benvenuti in Israele. Questa la frase che troverete ad accogliervi all’aeroporto di Ben Gurion. In inglese, francese, tedesco, italiano e tante altre lingue. E in arabo, naturalmente.

Se dovete arrivare a Tel Aviv imboccate l’autostrada n.2. e se non sapete l’ebraico non preoccupatevi. Tutte le indicazioni sono anche in inglese. E in arabo, naturalmente.

Sedetevi pure in un bar sulla spiaggia, assaporate i gusti esotici e medio orientali. Camerieri e proprietari di locali, dal nome di Tomer, Gai, Muhamad e Abdul vi accoglieranno con grande calore e simpatia.

Sfoggiate le vostre bandiere arcobaleno durante il gay pride. Con voi migliaia di uomini, donne e bambini sfileranno lungo le strade di Tel Aviv gridando slogan in tutte le lingue.

Non perdete la tappa della città santa. Stelle di Davide, croci e mezzelune vi faranno da sottofondo per un tour indimenticabile. Se aprite la finestra al mattino sentirete il canto del muezzin sorvolare nell’aria. Potrete visitare moschee, sinagoghe e chiese in tutta sicurezza. Percorrendo le strade della città vecchia incontrerete sacerdoti, preti ortodossi, suore, frati. E molti pellegrini con indosso simboli visibili della propria religione.

Nelle bancarelle dei venditori arabi troverete souvenir a buon prezzo da portare agli amici al vostro rientro. Dal centro storico incamminatevi verso il parlamento israeliano, davanti al quale sta il famoso candelabro a sette braccia, simbolo dello stato di Israele e della cultura ebraica. Se siete in grado di ottenere un permesso speciale per seguire una seduta della knesset, approfittatene. L’alternanza delle voci e opinioni diverse riaccenderà in voi la fiducia nella democrazia. Cercate tra i deputati i 17 arabi eletti con regolari elezioni. E non perdetevi gli interventi anti israeliani di Haneen Zoabi, che dal pulpito della sua elezione democratica attacca in piena libertà di espressione lo stato in cui vive. Da Gerusalemme potrete andare a Betlemme dove luoghi sacri per l’ebraismo e il cristianesimo vengono custoditi e curati dal governo israeliano. I soldati israeliani vi scorteranno nei tratti più pericolosi permettendovi di entrare in contatto diretto con la storia. E in ultimo, se vi capitasse malauguratamente di ammalarvi, recatevi con tranquillità in uno degli ospedali israeliani più vicini. Verrete accolti da medici e infermieri arabi e israeliani. E lì, tra pazienti di tutte le religioni e i colori, cercheranno la cura migliore per rimettervi in forma.

 

Benvenuti in Palestina. Questa frase la troverete ad accogliervi in inglese e in arabo. Ma non in ebraico. Se la vostra intenzione fosse stata invece di andare da qualche altra parte e aveste solo sbagliato strada, vi suggeriamo di chiamare il vostro notaio per fare sicuro le vostre ultime volontà siano state depositate. Soprattutto se siete ebrei. Perché agli ebrei, l’accesso nei territori sotto l’autorità palestinese è assolutamente proibita. L’ultima volta che tre israeliani hanno sbagliato strada, sono stati fatti a pezzi e restituiti ai famigliari in sacchetti in cambio di terroristi vivi. Pochi metri prima dei territori palestinesi troverete cartelli in ebraico che avvertono del pericolo di morte per chi ci si addentra. Se non siete ebrei e desiderate continuare il vostro tour fate attenzione:

  1. a) a manifestare apertamente certe tendenze omosessuali
  2. b) a manifestare dissenso nei confronti del regime di Hamas
  3. c) a non scattare fotografie delle immense ville con piscina e degli ultra moderni centri commerciali che vedrete durante la vostra visita (potrete causare seri danni all’immagine del popolo palestinese)
  4. d) a non mostrare in pubblico crocefissi e altri simboli che potrebbero offendere gli abitanti del luogo.

Cercate la sede del parlamento. E se siete fortunati, andate a osservarne una seduta. Su 132 deputati, 74 appartengono all’organizzazione Hamas e 45 a quella di Fatah.

Hamas in arabo significa movimento islamico di resistenza ed è il braccio operativo dei Fratelli musulmani. Nella sua carta sta scritto: ’non esiste soluzione alla questione palestinese se non nel Jihad (guerra santa).

Fatah fa parte dell’Olp (organizzazione per la liberazione della Palestina), mandante di innumerevoli attentati contro ebrei in Israele e nel mondo.

Questo articolo ho iniziato a scriverlo nei giorni in cui Di Maio stava visitando Israele e provava a risolvere il conflitto medio orientale in poche ore di conoscenza ravvicinata con la regione. ‘Non c’è alcuna preclusione ideologica nell’affrontare il tema. Non è un viaggio squilibrato’ affermava mentre addossava a Israele tutte le colpe e proponeva ‘Non importa chi governi nella striscia. Va perseguito un processo di pacificazione e normalizzazione della Cisgiordania e di Gaza. Questo permetterebbe una maggiore democratizzazione generale’.

 

Importa eccome chi governa Gaza. Come è fondamentale riconoscere in mano a chi sta l’educazione e l’indottrinamento delle nuove generazioni musulmane.

A Gaza come nel resto del mondo.

Perché tra chi pugnala i bambini nei loro letti in Israele, chi spara all’impazzata su persone che stanno infilando un boccone in bocca al ristorante di Tel Aviv e chi guida camion a 80km/h sulla folla che cammina nella Promenade des Anglais non c’è nessuna differenza. Ma un unico comune denominatore. Il volere imporre il proprio credo e il proprio mondo con la forza e la violenza. Ed essere convinti che l’eliminazione fisica del diverso corrisponda al bene.

Caro Di Maio & Co. lo Stato di Israele è nato sui principi della Torah dove sta scritto per 36 volte il comandamento di rispettare e amare lo straniero. Nell’ebraismo il diverso non è una minaccia. Ma un’occasione unica e irripetibile di arricchimento e crescita.

E ora non ci resta altro che volgere gli occhi al Cielo e pregare per tutte le vittime del fanatismo e della cecità di chi proprio non vuole capire.

Gheula Canarutto Nemni

C’è una sola condizione per la convivenza tra Occidente e Islam. Anzi sette

 

bruxelles 22 marzo 2016Schermata 2016-01-25 alle 13.25.03

 

 

‘Che piacere rivederti’ esclamò I. quando O. venne ad aprirgli la porta.

Si abbracciarono dandosi forti pacche sulle spalle, proprio come fanno i vecchi amici.

‘Sono secoli che non ci vediamo’, disse I. entrando in casa.

‘Vedo che ti sei dato da fare. È tutto nuovo qui, mi sembra di capire’.

‘Oh sì, dall’ultima volta che sei stato qui abbiamo rivoluzionato parecchio. Allargato finestre, ora la nostra visione è più ampia. Buttato giù muri, gli ospiti non devono mai sentirsi stretti’

‘Bello, davvero un ambiente invitante’ disse I.

‘C’è anche una grande ricerca dei colori, sembra non ne manchi quasi nessuno’

‘Si, è proprio così’ disse O. compiaciuto. ‘Desidero che chi entra qui si trovi a proprio agio, che sia senta come a casa propria’.

‘Senti O.’, disse I. un po’ sussurrando. Si schiarì la voce. ‘In casa, uhm, avrei qualche problema. Mi ospiteresti per qualche tempo? Sai, mi permetto di domandatelo solo perché hai fatto tutte quelle premesse sull’ospitalità…’

O. sorrise.

‘Ma certo amico mio, sarò molto felice di aiutarti. Seguimi ti faccio vedere la stanza dove potrei ospitarti.

Il giorno seguente I. arrivò carico di valigie e pacchi.

O. lo guardò e un filo di preoccupazione pervase il suo viso. ‘Ma, se posso permettermi, per quanto tempo intendi fermarti?’

‘Non ho idea, ma almeno finché le cose in casa non si sistemano’ rispose I

O. non disse niente. Sarebbe stato contrario a tutti i principi della buona educazione e dell’accoglienza che gli erano stati insegnati.

Mentre O. rifletteva, I. iniziava già a sistemare le proprie cose.

Appoggiò la valigia sul comò antico della nonna, quello che era sopravvissuto a decine di traslochi e di guerre. E lo strisciò tutto.

‘Oh scusa, mi dispiace tanto. Si potrà riparare immagino?’ disse I.

O. non si scompose più di tanto.

‘Fa niente, tanto era vecchio’, disse ricordando improvvisamente tutti gli sforzi che erano stati fatti per mantenerlo integro fino a quel giorno.

I.svuotò tutti i cassetti, buttando le cose per terra.

‘Hai qualcuno che pulisce e riordina vero?’

O. rimase un po’ sbigottito.

‘Sì, certo, viene qualcuno qualche ora alla settimana’ disse. Ma pensò che avrebbe ripulito lui stesso.

I giorni passarono e diventarono settimane. Le settimane passarono e diventarono mesi.

‘Senti O. quella foto li di tua nonna, quella che c’è nella mia stanza. Mi dà un po’ fastidio. Ti dispiacerebbe metterla in un posto dove il mio sguardo non la incroci?’

O. la spostò e la mise nella propria stanza. Così la nonna veglierà su di me mentre dormo, sorrise tra se’ e se’ mentre appoggiava la cornice sul comò di fronte al suo letto.

‘O., scusa se te lo dico, ma hai visto in che modo esce di casa tua moglie? Dovresti farla coprire un po’ di più. Lo dico perché ti voglio bene, davvero’

O. si vergognò.

‘I. suggeriscimi tu come dovrebbe vestirsi’

‘Aspettavo che me lo chiedessi’

E da quel giorno la moglie di O., una femminista incallita che aveva urlato nelle piazze e combattuto per ottenere più diritti per le donne, dovette passare l’esame di I. prima di uscire di casa.

 

Una sera O. si chiuse nella propria stanza un po’ allarmato. Non era questo il risultato che si aspettava dall’ospitalità offerta a un amico.

Dopo un po’ lo raggiunse la moglie. Si guardarono negli occhi.

‘Teniamo duro. D’altronde quando lo abbiamo accolto gli abbiamo fatto capire che doveva sentirsi come se fosse nella propria, di casa’.

Dalla sala iniziarono a provenire dei rumori strani. Musica a tutto spiano, odori strani, invasero l’ambiente domestico.

‘Ma cosa sta succedendo?’

‘Ho invitato un po’ di amici. Sto dando una festa. Mi avevi detto di fare come se fossi a casa mia. O sbaglio?’ L’ultima frase I. la pronunciò lentamente, nei suoi occhi si poteva leggere lo sguardo di chi si sente quasi padrone.

E i sensi di colpa di O. si riaccesero all’istante.

‘Certo, certo, va pure avanti’ disse al proprio ospite mentre notava che in sala erano stati spostati i quadri, il tavolo era stato girato, molti dei soprammobili, misteriosamente spariti.

‘Mi sembra sempre meno la mia casa’ osò pensare O. trasgredendo per qualche istante i valori con cui era stato allevato. Se ne vergognò subito. E per rimediare andò in cucina a lavare i piatti che la moltitudine di ospiti continuava a sporcare.

L’indomani si alzò e andò in sala. Le tapparelle erano ancora tutte giù, nonostante fosse quasi mezzogiorno.

Si avvicinò per tirarle su. Amava la luce del giorno.

‘No, no, lasciale così, per favore. Meglio vedere il meno possibile quello che ci sta là fuori. Tanto non c’è proprio nulla di interessante’

La sera i figli di O. rientrarono a casa. Fecero una rapida apparizione in cucina, dove I. se ne stava a tavola con altri ospiti che aveva invitato. E si rinchiusero nella propria stanza. I ragazzi accesero la musica. Dopo pochi minuti arrivò I. e si mise a bussare con forza.

‘Spegnete subito quel marchingegno infernale!’ urlò cercando di abbassare la maniglia e di entrare. I ragazzi corsero verso la porta e la chiusero a doppia mandata.

Poi telefonarono al padre.

‘Ma dove siete?’ Domandò O. ‘mi sembrava di avervi visto entrare’

‘Siano in camera nostra papà, potresti venire un attimo per favore?’

Mentre O. cercava di riprendersi dalla sorpresa di quella telefonata avvenuta da una stanza all’altra della sua, almeno così ancora si illudeva, casa, vide che qualcuno stava provando ad abbassare la maniglia della sua, di stanza

I. entrò senza domandare nemmeno scusa.

‘Uhm, saresti nella mia stanza I’ provo’ a dirgli.

‘Lo so. E allora? Tutto ciò che è tuo ormai è un po’ anche mio’ disse I. buttandosi sul letto di O. come se fosse ormai il proprio.

O. bussò alla stanza dei suoi figli, entrò e si chiuse a doppia mandata. Non aveva quasi il coraggio di guadarli negli occhi.

‘Papà, una cosa però te la vorremmo dire. Non ci siamo opposti quando hai preso I. in casa. Sei stato tu stesso a insegnarci lo spirito e il dovere dell’ospitalità e dell’accoglienza. Ma I. non si sta più comportando da ospite. Ormai ha preso così tanto piede in casa da sembrare lui il padrone. Non possiamo ascoltare la musica, vestirci come ci pare. Ha tolto i quadri dei nonni, le fotografie di quando eravamo piccoli. Negli armadi si trova quasi solo quello che piace a lui, di cibo. Papà una sola domanda. I. sta infrangendo a una a una tutte le regole che ci hai insegnato. Quando noi le trasgrediamo, ti arrabbi, urli, ti alteri profondamente. Perché a lui non dici niente?’

Ad O. bastò un attimo.

Per capire che aveva commesso un solo errore nell’accoglienza di I.

E che ormai era troppo tardi.

‘Quando l’ho accolto, mosso dalla pena nei suoi confronti, ci ho messo tutto me stesso per farlo sentire bene, per offrirgli tutto ciò che potesse servirgli. Ho tralasciato solo un piccolo dettaglio. Le regole. A quelle, in nome di un’ospitalità perfetta, non ho mai fatto alcun cenno.’

Quando il popolo ebraico si presentò alle porte della terra di Israele, aveva uno scopo in mente. Portare la civiltà e la giustizia là dove non ne sapevano niente.

3300 anni fa il popolo ebraico imponeva ai popoli che incontrava nel proprio cammino, sette regole:

  1. Un sistema giudiziario che garantisse giustizia e diritti civili a tutti
  2. Il divieto di blasfemia, di porsi in maniera diretta contro D-o e i Suoi principi morali
  3. La proibizione dell’idolatria e l’accettazione di un D-o unico
  4. Il divieto di relazioni illecite. Il rispetto dell’istituzione matrimoniale.
  5. Il divieto di uccidere e di fare del male al prossimo. Nessuno può disporre della vita altrui a proprio piacimento.
  6. Il divieto di rubare, di appropriarsi illecitamente di ciò che appartiene agli altri.
  7. Il divieto di nutrirsi di un animale mentre è ancora in vita. Ciò implica il rispetto della natura e di tutto il creato.

Sette regole.

Oggi è stato di nuovo colpito il cuore dell’Occidente. Ogni vittima di Bruxelles è un passo indietro della civiltà. Basterebbe insegnare queste regole perché l’accoglienza che l’occidente sta dando all’immigrazione non si trasformi nella bara dei nostri valori e della nostra libertà.

Gheula Canarutto Nemni

Un’ebrea risponde a una cristiana (Francesca Paci, La Stampa) che scrive a un musulmano

Schermata 2015-02-05 alle 11.33.17Gentile Francesca Paci,

Ho appena finito di leggere la sua lettera a Mohammed. È piena di belle parole, di esortazioni a guardare dentro di se’ come condizione per poter davvero un giorno vedere un mondo migliore.

Riga dopo riga stavo col fiato sospeso. Leggevo la sua lista degli ultimi orrori perpetrati dagli estremisti islamici. Leggevo e cercavo tra le righe, in mezzo alle parole, forse anagrammato. Ho trovato Charlie Hebdo, ho trovato le decapitazioni, violenze contro le donne, ho ritrovato persino le Torri Gemelle. Ma quella parola, quell’aggettivo che ancora oggi, nel 2015, viene usato con cautela o evitato intenzionalmente, non c’era. Ebreo. Ebraico. Non c’erano le vittime del supermercato kasher, non c’erano i morti al museo ebraico di Bruxelles. Spariti. Inghiottiti dal politically correct e trasformati in morti scomodi per le coscienze occidentali.

Invece non mancano i bambini di Gaza. No, quelli ci sono sempre. La morte dei bambini di Gaza da lei ripetuta per due volte (e sulla quale spero lei, giornalista qualificata, abbia davvero indagato prima di lanciare accuse a democrazie e giustificare dittature) quella sì’ che c’è. Così gli ebrei serpeggiano, aleggiano, bloccano, impongono, per non dire di peggio. Ma gli ebrei non hanno dignità di persone. Gli ebrei non subiscono, non vivono blindati (la invito in una qualsiasi sinagoga europea in un qualsiasi sabato dell’anno o in qualsiasi scuola ebraica in qualsiasi giorno della settimana), non possono essere ancora vittime. Gli ebrei sono esseri invisibili nel panorama del terrore.

Lei si auspica che il signor Mohammed pianga davanti alla sagoma del pilota bruciato, che condanni le barbarie compiute, che guardi dentro lo specchio i suoi fantasmi. Io mi auspico che lei, insieme a tutta l’Europa e al mondo intero, riesca a scrivere la parola ‘ebreo’ senza timore, accanto alle vittime del terrorismo mondiale. Che lei restituisca dignità a ogni essere umano, anche a chi prega dentro a una sinagoga. Quando il coraggio del mondo di guardare dentro allo specchio i propri fantasmi ebraici supererà quella invisibile soglia del non detto, allora sì che la società civile sarà in grado di combattere davvero per la propria sopravvivenza. E, unita con i propri ebrei, invece che cancellarli dai propri articoli e post, vincerà davvero.

Gheula Canarutto Nemni

 

 

Due ebrei e una sola certezza

jewish bookshop
jewish bookshop

“Ha bisogno di aiuto?” mi domanda un signore un po’ calvo mentre mi viene incontro.

“Stavo solo curiosando. Il suo negozio è pieno di cose interessanti” gli rispondo.

“E’ frutto di anni di lavoro e di faticose ricerche” mi dice porgendomi un libro che non avevo mai visto prima. Lo sfoglio e rimango affascinata dal contenuto.

“Lei si interessa di ebraismo?” mi domanda.

“Diciamo che è una delle cose per cui vivo” gli rispondo.

“Da dove viene?”

“Dall’Italia”

“Come sono messi gli ebrei lì?”

“Materialmente o spiritualmente?”

“L’ebreo non si distingue da ciò che possiede. Ma da ciò che è.” Annuisco.

“Qui negli Stati Uniti non siamo messi molto bene. La maggior parte degli ebrei non sa nemmeno leggere in ebraico, non sa cosa significhi essere ebrei, pensa che il modo di vita ebraico non sia altro che un insieme di ‘tradizioni arcaiche dal retaggio antico’…” Lo vedo dispiaciuto. “Vada quattro blocks più in giù, verso la 34esima, verso le tre del pomeriggio. Poi ci torni alle sei. Vedrà uno spettacolo incredibile. Migliaia di musulmani si fermano lì, in mezzo alla strada, bloccano il traffico e pregano. Lo fanno per cinque volte al giorno. E sa da dove lo hanno preso questo? Da noi. Dal nostro giorno più santo. Hanno preso le cinque preghiere dello Yom Kippur e le hanno trasferite nella loro vita quotidiana.”

“Non sapevo” gli dico.

“Questa è la loro arma più forte. L’attaccamento alle tradizioni. La capacità di fermarsi per cinque volte al giorno e pensare a D-o. Noi ebrei ci illudiamo. Pensiamo di vincere attraverso strategie militari e armi sofisticate. Ma, alla fine dei conti, la guerra si combatte lì, “ dice indicando verso l’alto, “nelle sfere spirituali. E quando D-o sente così tante preghiere ogni giorno, perché non dovrebbe ascoltarle?” Lo saluto e mi incammino verso l’uscita.

“Signora!” lo sento urlare da dietro alla cassa. “D-o ci ha liberato dalle mani del Faraone con un solo scopo. Quello di portarci ai piedi del monte Sinai e lì legarci alla Sua Torà. Se solo ce lo ricordassimo con orgoglio ogni giorno, la nostra esistenza non sarebbe mai in pericolo.”

Il libraio di Manhattan chiude la porta del suo negozio dietro di sé e accenna un saluto.  Cammino con il cuore riscaldato anche se intorno a me ci sono fiocchi di neve e una temperatura polare. Due ebrei, tre opinioni, dice un proverbio yiddish. Ma per oggi due ebrei che non si erano mai incontrati prima condividono una sola certezza. L’unica garanzia di sopravvivenza del nostro popolo sta nel non smettere mai di seguire ciò che D-o ci ha richiesto, ai piedi del monte Sinai, di fare

 

Gheula Canarutto Nemni